Forex, dollaro canadese e sterlina sotto i riflettori

A
A
A
di Finanza Operativa 29 Agosto 2018 | 12:00

A cura di Xtb
Questo è stato dominato dai discorsi del NAFTA e mercoledì è una continuazione di questa storia. Ieri abbiamo scritto di un accordo preliminare tra Stati Uniti e Messico, ma abbiamo anche sottolineato che il Canada deve essere presente per consentire la ratifica dell’accordo di libero scambio. Oggi sembra che siano stati compiuti alcuni progressi poiché il Canada sarebbe pronto a fare concessioni all’amministrazione Trump sul mercato lattiero-caseario del paese in cambio di compromessi su altre aree. Tra queste “altre aree” vi sono un importante sistema di risoluzione delle controversie NAFTA, la salvaguardia delle industrie culturali (protezione TV e radio da parte dei concorrenti statunitensi) e l’eliminazione delle più severe protezioni dei brevetti farmaceutici. Si noti che il Canada deve essere pronto a eliminare un ruolo che ha impedito agli agricoltori statunitensi di esportare latte ultrafiltrato in Canada. Inoltre, agli agricoltori statunitensi verrà offerta una percentuale del mercato lattiero-caseario canadese. Di conseguenza, il dollaro canadese sta negoziando sottilmente più in alto stamattina essendo l’unica grande valuta che guadagna contro il dollaro USA, tuttavia questi aumenti non sono sostanziali.

In linea con le nostre analisi precedenti, l’USD/CAD è finalmente diminuito dopo essere stato incapace di superare la sua linea di tendenza a medio termine. Sembra che gli orsi di primo livello che potrebbero mirare siano localizzati nelle vicinanze a 1.2750. Fonte: xStation5
Guardando oltre il blocco del G10, si può capire che questa lira turca stia di nuovo scivolando contro il dollaro USA questa mattina. Queste cadute sono arrivate dopo che Moody’s ha declassato 20 istituzioni finanziarie turche dicendo che c’erano segnali di un sostanziale aumento del rischio di uno scenario ribassista. Il rapporto afferma inoltre che il contesto operativo della Turchia si è deteriorato oltre le aspettative precedenti. Tieni presente che le banche europee detengono una considerevole esposizione sulla Turchia con le banche spagnole che rappresentano oltre il 35% delle richieste totali di crediti esteri. Dopo lo straordinario slittamento della lira, alcune compagnie potrebbero trovare difficile o addirittura impossibile ripagare i loro impegni in valuta estera, principalmente in dollari USA. Il TRY è in calo dello 0,6% a partire da 6:56 am BST.
L’ultima notizia mattutina riguarda Brexit e (apparentemente) negoziati senza fine. Secondo le persone che hanno familiarità con i funzionari britannici ed europei e citati da Bloomberg, il Regno Unito e l’Unione europea devono mirare a finalizzare i termini del divorzio entro la metà di novembre al più tardi. Si noti che il vertice UE a partire dal 18 ottobre era stato indicato in precedenza come termine. La sterlina britannica viene leggermente offerta al mattino come un altro rinvio della data in cui devono essere concordati i termini del divorzio in caso di aumenti delle probabilità che il Regno Unito si ritirerà dall’UE senza alcun accordo.

L’EUR/GBP si è già spostato sull’importante resistenza nella forma del limite superiore del canale ascendente. Prevedo che possa aver luogo qualche presa di profitto, ma senza i concreti progressi sui negoziati Brexit sembra che la GBP continuerà a lottare. Fonte: xStation5

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex, il rimbalzo della sterlina potrebbe essere di breve durata

Agli sgoccioli il rally delle materie prime e delle commodity currencies?

Attenzione al dollaro canadese

NEWSLETTER
Iscriviti
X