Da Mts e Borsa di Johannesburg la prima piattaforma di trading per titoli di Stato sudafricani

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 30 Agosto 2018 | 13:30

MTS, la piattaforma elettronica per la negoziazione di titoli obbligazionari – parte del gruppo London Stock Exchange – e la Borsa di Johannesburg (JSE), il principale operatore dei mercati finanziari della Repubblica del Sudfrica, hanno annunciato un accordo per il lancio della prima piattaforma elettronica per la negoziazione in titoli di Stato sudafricani. L’accordo mira a migliorare la trasparenza del mercato obbligazionario dei titoli di stato sudafricani e ad ampliarne l’accesso a livello globale offrendo un ampio bacino di liquidità sul mercato secondario. Per MTS questo rappresenta il primo accordo per mercati dei titoli di stato africani.

Nove specialisti in Titoli di Stato sudafricani sono ora attivi come market maker sulla piattaforma. Tra questi si segnalano Absa Bank, Citibank, HSBC e JP Morgan.

MTS gestisce mercati del reddito fisso elettronico da 30 anni e ha sviluppato competenze tecnologiche sia sul mercato del debito pubblico che corporate. MTS è stato scelto dalla Borsa di Johannesburg attraverso bando di gara internazionale per la fornitura della tecnologia, servizi operativi e il monitoraggio dell’attivita’ di market making degli specialisti. La Borsa di Johannesburg gestirà il nuovo mercato in conformita’ con le normative locali. La nuova piattaforma è attiva da oggi, 29 Agosto 2018.

Donna Nemer, Director of Capital Markets, Johannesburg Stock Exchange ha dichiarato: “Indubbiamente il lancio della piattaforma di trading per le obbligazioni governative posizionera’ il mercato dei capitali del Sudafrica tra i mercati più sofisticati a livello imternazionale. I benefici di un mercato con infrastrutture sofisticate è vantaggioso sia per gli investitori che per gli emittenti e rendera’ il Sudafrica sede attraente di investimento.La piattaforma rappresenta un’imporatante elemento dell’impegno che il governo Sudafricano sta mettendo per la realizzazione delle riforme del mercato dei capitali concordate durante il G-20. Le parti interessate,fra cui il nostro fornitore MTS, i nove specialisti, la Banca Mondiale quale consulente di progetto, la banca centrale del Sudafrica Reserve Bank e il Central Securities Depository Participants (CSDPs), si sono impegnati molto e i loro sforzi sono stati ripagati. Questo rappresenta un momento di orgoglio per il nostro Paese”.

“Negli ultimi 30 anni MTS ha maturato un’esperienza senza pari in 20 diversi mercati nel settore del reddito fisso Europeo – ha affermato Angelo Proni, Head of New Markets di MTS – Un elemento chiave della strategia di MTS per il futuro è quello di esportare tale esperienza nei diversi mercati internazionali in modo da consentire l’accesso ai vantaggi del trading elettronico ad un numero sempre maggiore di clienti. Siamo lieti di annunciare questa nuovo accordo, il primo per MTS nel continente Africano”.

Infine, Mondli Gungubele, Deputy Minister of Finance ha dichiarato: “Sono trascorsi sette anni da quando la piattaforma di trading elettronico è stata pensata. Il suo lancio oggi è la chiara testimonianza di ciò che si è in grado di fare quando il governo e il settore privato lavorano insieme ad un progetto comune. L’uso di piattaforme di trading elettroniche ha dimostrato di avere effetti positivi sul mercato secondario. Fra questi, un miglioramento della liquidita’, costi di transazione ridotti, maggiore concorrenza e trasparenza”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bond, le nuove emissioni governative e corporate. L’analisi

Asset allocation, obbligazioni: 4 fattori per evitare il green washing

Asset allocation: ecco come posizionarsi ora al meglio sui bond

NEWSLETTER
Iscriviti
X