Dax pronto a testare i minimi di periodo

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Settembre 2018 | 12:30

A cura di Xtb
La sessione asiatica è stata un po’ mista. Il giapponese Nikkei (JAP225) ha chiuso lo 0,05% in meno. In Australia sono state osservate maggiori flessioni in quanto S&P/ASX 200 (AUS200) ha cancellato lo 0,28% in seguito al rafforzamento della AUD derivante dalla riunione della RBA. D’altra parte, guadagni significativi sono stati visti sui mercati cinesi. Hang Seng (CHNComp) sta scambiando lo 0,65% in più mentre altri indici della seconda economia più grande del mondo stanno guadagnando oltre l’1%.
Alla maggior parte dei mercati azionari europei sono stati osservati guadagni all’inizio della sessione di martedì. Il FTSE MIB italiano (ITA40) ha sovraperformato i concorrenti della regione nei primi minuti di attività mentre l’IBEX spagnolo è rimasto leggermente indietro rispetto ad esso. Tutti i 19 sottoindici settoriali dell’indice Euro Stoxx 600 hanno aperto in rialzo martedì. I più grandi progressi sono stati osservati tra le banche e le compagnie assicurative, mentre i titoli dei media e i minatori sono stati scambiati solo leggermente più alti.

Il DE30 è salito al mattino. Tuttavia, i Tori tedeschi non sono stati in grado di superare la media mobile a 33 periodi nell’intervallo H4 (linea verde nella tabella in alto). A sua volta il prezzo ha lasciato il range della zona di resistenza e potrebbe essere pronto a testare il minimo recente a 12297 punti nel caso in cui il sentiment non migliorasse. Fonte: xStation5
I ministri delle finanze e le banche centrali dei paesi dell’area dell’euro si incontreranno venerdì a Vienna. Uno degli argomenti che si dice essere all’ordine del giorno è la capacità dell’UEM di far fronte al periodo di rialzo dei tassi d’interesse. Mentre la BCE si prepara a eliminare gradualmente il suo stimolo, la discussione è emersa se l’uscita dal periodo di denaro a basso costo destabilizzerà o meno i mercati finanziari nel Vecchio Continente. Alcuni paesi membri hanno già espresso le loro preoccupazioni. La banca centrale tedesca ha affermato che le case nella più grande economia europea sono troppo costose del 35%. In Francia sono state sollevate preoccupazioni per il settore delle imprese fortemente indebitate, mentre l’Italia teme che, una volta aumentati i tassi di interesse, il mercato obbligazionario italiano possa diventare l’obiettivo degli speculatori. Dal momento che si può vedere che le poste in gioco sono alte, è necessaria una discussione ragionevole e sono necessarie azioni tempestive. Gli investitori dall’Europa potrebbero voler tenere traccia del flusso di notizie in arrivo poiché i commenti emersi dalla riunione potrebbero influire sulla valutazione delle attività europee.
Principali indici azionari europei dopo la prima ora di negoziazione:

  • DAX (DE30): -0,05%
  • FTSE 100 (UK100): + 0,10%
  • CAC 40 (FRA40): -0,15%
  • IBEX (SPA35): + 0,47%
  • FTSE MIB (ITA40): + 1,04%


Deutsche Bank (DBK.DE) guida i guadagni dell’indice DAX nonostante alcune notizie negative riguardanti l’azienda siano emerse di recente. Fonte: Bloomberg
Deutsche Bank (DBK.DE) è uno dei titoli DAX più performanti di martedì. Questo è uno sviluppo piuttosto interessante in quanto le notizie riguardanti la società che ha stimolato non possono essere definite ottimistiche. In particolare, la Banca ha annunciato che il capo della sezione austriaca, Rainer Polster, lascerà l’azienda alla ricerca di “una nuova sfida nel settore finanziario tedesco”. Tuttavia, ciò che può essere ancora più scoraggiante è il fatto che Deutsche Bank è impostato per essere rimosso dall’indice Euro Stoxx 50. Il creditore tedesco lascerà la composizione dell’indice in modo efficace lunedì 24 settembre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti