La Voluntary bis scalda i motori

A
A
A

L’Agenzia delle Entrate sta per inviare le prime richieste a Lussemburgo e Svizzera. E arriva il nuovo software.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino21 febbraio 2017 | 10:08

La “voluntary disclosure 2” scalda i motori. Secondo quanto riferisce “Italia Oggi”, infatti, l’Agenzia delle Entrate è pronta a inviare entro una settimana le prime richieste di gruppo e individuali a Lussemburgo e Svizzera. Mentre, per provare a dare maggiore spinta alla procedura di rientro dei capitali, è in arrivo il software delle Entrate per il calcolo delle sanzioni. L’annuncio è stato dato da Rossella Orlandi, direttore dell’Agenzia delle Entrate, intervenuta ieri al convegno Ipsoa-Dlapiper, «Reati tributari, compliance fiscale e prime casistiche a un anno dalla riforma (penale-tributaria)».

A Lussemburgo e Svizzera, destinatari delle richieste individuali, circa 700 contribuenti, e di gruppo, la Orlandi lancia la sfida: «è arrivato il momento di mettere alla prova se questi stati collaborano perché il passaggio da white a black list è sempre reversibile». Per il direttore delle Entrate la strada della compliance può essere intrapresa anche nel campo dei reati tributari. E poco rileva che attualmente non esiste una norma, nella cooperative compliance (modelli di prevenzione del rischio di evasione), equivalente a quella presente nei modelli 231 ai fini penali.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Voluntary disclosure: proroga in arrivo

La Voluntary disclosure è un flop

Voluntary flop

Ti può anche interessare

Lo spettro della recessione si avvicina. Le sfide dei leader europei

Uno dei termini che ultimamente aleggia come uno spettro sulle menti europee e, soprattutto su quell ...

Reti, cedole da applausi

A primavera sbocciano i dividenti e le reti nostrane hanno tra i fiori più belli in cantiere. Tra a ...

Azimut, impennata di utili e ricavi

Fatturato (+36%) e profitti (+244%) in forte aumento per il gruppo guidato da Pietro Giuliani. ...