Focus sulle azioni europee

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Settembre 2018 | 12:00

A cura di Xtb
Gli investitori asiatici hanno iniziato la nuova settimana in stati d’animo misti. In Giappone, Nikkei (JAP225) ha aggiunto uno 0,31% supportato da una lettura del PIL migliore del previsto mentre in Australia S & P / ASX 200 (AUS200) ha chiuso in negativo (-0,03%). Sono stati osservati forti ribassi sui mercati azionari cinesi, che potrebbero essere le conseguenze di possibili tariffe annunciate venerdì dal Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.
La maggior parte degli indici europei di blue chips ha aperto leggermente più in alto lunedì. Tuttavia, i benchmark provenienti dall’Europa occidentale hanno sottoperformato durante l’apertura, poiché le azioni tedesche, francesi e britanniche hanno avviato una nuova settimana più bassa. D’altra parte, nella parte orientale del Vecchio Continente potrebbero essere rilevati guadagni in quanto i benchmark azionari polacchi e russi sono aumentati nei primi minuti del commercio. Raffinerie e aziende personali potrebbero essere trovate tra le sovraperformance europee al momento del lancio di una nuova settimana, mentre gli assicuratori e le case automobilistiche hanno fatto il passo più grande.

DE30 continua a essere scambiato nel range della zona di supporto a lungo termine. Si noti che la candela con la trottola dipinta venerdì potrebbe annunciare una possibile inversione nel prossimo futuro. Tuttavia, fino a quando i prezzi non scenderanno al di sotto o al di sopra della suddetta fascia di prezzo, le prospettive rimangono poco chiare. Fonte: xStation5
Data la dinamica della situazione, nessuno dovrebbe essere sorpreso dal fatto che recentemente sono emersi nuovi sviluppi in merito alla Brexit. Tuttavia, il primo ministro Theresa May può essere ben lungi dall’essere deliziato dal modo in cui la situazione è cambiata. Vale a dire, sta affrontando una forte opposizione con il proprio partito. Secondo il rapporto Reuters, fino a 80 membri del partito Tory possono opporsi a lei nel caso in cui lei continui a spingere il piano Checkers concordato in luglio. Steve Baker, un ex ministro della Brexit junior, ha affermato che il Primo maggio potrebbe affrontare gravi problemi alla conferenza del partito Tory (30 settembre – 3 ottobre) che potrebbe portare alla “spaccatura catastrofica” all’interno del suo campo. A parte questo, Frances O’Grady, Segretario Generale del Congresso dei Sindacati, ha dichiarato che nel caso in cui il Primo Maggio non riuscisse a trovare un accordo che aiuterebbe i lavoratori del paese, il Congresso sosterrà l’idea del secondo referendum sulla Brexit. Il sindacato dei sindacati è un organo composto da circa 50 sindacati e conta oltre 5,6 milioni di membri. Questo si traduce in circa l’8,5% della popolazione del Regno Unito, quindi si può vedere che un tale giocatore ha sicuramente un potere negoziale e non dovrebbe essere ignorato.
 
Dopo la prima ora di negoziazione, la maggior parte degli indici europei di blue chip è in aumento. Le azioni tedesche, ungheresi e austriache hanno leggermente sottoperformato. I maggiori guadagni si registrano nella borsa italiana dove il FTSE MIB (ITA40) è cresciuto di oltre l’1,3%.

Infineon (IFX.DE) è il più grande ritardatario mentre Commerzbank (CBK.DE) aumenta. Fonte: Bloomberg
 
Notizie dall’azienda
Per quanto riguarda le performance dei titoli azionari individuali di Infineon (IFX.DE) e Commerzbank (CBK.DE), è opportuno evidenziare che si tratta di due titoli azionari in ascesa dall’indice DAX. Infineon continua il sell-off iniziato alla fine di agosto. Il titolo potrebbe essere sotto pressione dai tweet di Donald Trump che suggeriscono che Apple dovrebbe spostare le unità produttive dalla Cina agli Stati Uniti. Infineon è il fornitore Apple, quindi il trasferimento delle attività del gigante tecnologico negli Stati Uniti potrebbe ridurre la domanda di prodotti Infineon, data la facilità con cui Donald Trump distribuisce le tariffe. D’altra parte, Commerzbank sta guadagnando terreno oggi. Mentre nessuna notizia specifica riguardante la società è emersa nel weekend, un sentimento ottimista potrebbe derivare in qualche misura dal colloquio di Josef Ackermann. Ackermann era solito guidare la Deutsche Bank per oltre un decennio e durante questo periodo si oppose fermamente alla fusione di Deutsche Bank con Commerzbank. Tuttavia, durante un’intervista con Bloomberg Television, ha affermato che le banche europee potrebbero dover prendere in considerazione la fusione per compensare la sorprendente leadership delle istituzioni finanziarie statunitensi nel settore dell’investment banking. Commerzbank potrebbe essere una delle entità che prenderà parte alla fusione, data la sua attività sana (nessuna perdita dal 2009) e valutazioni interessanti (le azioni sono scese da oltre € 200 a metà 2007 a circa € 8,40 al momento della stampa).

Commerzbank (CBK.DE) ha rimbalzato fuori dalla zona di supporto intorno all’8 € di manico. Il titolo potrebbe essere impostato per ritestare la resistenza a € 9,30 nel prossimo futuro. Tieni presente che questo livello è ulteriormente sostenuto dal livello di Fibo del 23,6% del maggiore impulso al ribasso iniziato all’inizio dell’anno e quindi potrebbe essere il turno di essere un ostacolo per i tori. Fonte: xStation5

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Opportunità di investimento: oro e materie prime. Il webinar di Xtb

Dax, 11.970 punti il nuovo supporto. Nell’indice entra Wirecard

Dax al test del supporto. Bayer in ribasso dopo la trimestrale

NEWSLETTER
Iscriviti
X