Dieci anni dopo Lehman Brothers: in Usa tutto prosegue al rialzo

A
A
A
di Finanza Operativa 17 Settembre 2018 | 18:30

A cura di David Jones, Chief Strategist di Capital.com
“La settimana che ci attende è importante per i dati sull’inflazione, con l’UE, Regno Unito e Giappone pronti a rilasciare i loro più recenti indicatori del costo della vita. Mentre negli ultimi anni questo tipo di evento non è certo stato il più importante sul mercato, oggi è l’inflazione ad essere al centro dell’attenzione, con gli investitori che cercano di indovinare quando arriverà la prossima mossa sui tassi di interesse.
Dei tre Paesi, l’inflazione britannica mercoledì sarà probabilmente la più seguita. La proiezione sull’anno dovrebbe attestarsi attorno al 2,7% e la sterlina sarà il tipo di asset da guardare.
Nell’ultimo mese abbiamo assistito a una solida ripresa della sterlina rispetto al dollaro. Lo scorso venerdì la divisa britannica ha visto i suoi livelli migliori dall’inizio di agosto, suggerendo un cambiamento nel sentiment dopo che era scivolata molto bruscamente da aprile. A meno che il dato sull’inflazione non sia molto maggiore del previsto, il mercato probabilmente non cambierà la sua opinione riguardo al fatto che la prossima mossa per la Banca d’Inghilterra non arriverà prima che il Regno Unito abbia lasciato l’UE.
Sui mercati azionari, la scorsa settimana il maggiore indice azionario statunitense (S&P500) ha superato dell’1% il suo precedente massimo storico. I mercati azionari degli Stati Uniti restano sostenuti e gli investitori sembrano pronti a intervenire e a riacquistare dopo ogni vendita. La scorsa settimana si è ricordato il decimo anniversario del fallimento di Lehman Brothers, che si fa coincidere con l’inizio della crisi finanziaria.
Ci sono stati alcuni commenti sul fatto che una prossima crisi possa essere dietro l’angolo. Se questo è il caso, gli investitori negli Stati Uniti non stanno certo prestando attenzione a costoro e non sarebbe sorprendente vedere i mercati statunitensi toccare nuovi picchi prima che il mese sia concluso.
Per i singoli titoli azionari, gran parte dell’attenzione della scorsa settimana è stata rivolta ad Apple, che ha continuato a porre la domanda: “quanto si è disposti a pagare per un telefono?” L’ultimo annuncio di prodotto ha suggerito la seguente risposta: “Perfino più di quanto pensassimo solo un anno fa“. Certamente non ha influenzato negativamente sul prezzo dell’azione. Alla fine della scorsa settimana, Apple era scambiata a meno del mezzo punto percentuale al di sotto del suo massimo storico e il prezzo delle azioni Apple è aumentato di quasi un terzo nel 2018.
Gli altri mercati hanno visto una settimana abbastanza piatta. L’oro ha decisamente perso la sua lucentezza, dato che i mercati azionari hanno spinto più in alto. Questo fatto, unito alla ripresa del dollaro USA negli ultimi mesi, significa che il metallo giallo è scambiato intorno al 10% in meno rispetto a un anno fa. Il petrolio rimane volatile, ma in gran parte senza una direzione precisa. I compratori sembrano accontentarsi di intervenire sulla debolezza fissata alla metà dei 60$ per barile – e non sembra esserci nessuna vera convinzione sul fatto che l’oro possa attestarsi su livelli più elevati dei 70$ al barile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti