Svizzera, Pil atteso in crescita del 2,9%. Bns, Steiner nuova presidente del consiglio

A
A
A
di Finanza Operativa 20 Settembre 2018 | 13:00

Le condizioni favorevoli che stimolano gli scambi e consistenti investimenti da parte delle imprese svizzere hanno indotto gli esperti della Confederazione a rivedere al rialzo le previsioni congiunturali per il 2018. Nel dettaglio, secondo quanto riportato dalla Rsi, la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) valuta al 2,9% la crescita del prodotto interno lordo per l’anno in corso, a fronte del 2,4% stimato in giugno.

La fase positiva in atto già da diversi trimestri dunque prosegue, sottolinea il rapporto, con effetti positivi sull’impiego e di riflesso sulla disoccupazione, che è in calo. Particolarmente dinamico il settore industriale, dove le capacità di produzione non sono mai state tanto sfruttate dal 2011 e le ordinazioni abbondano, ma la situazione è giudicata molto buona anche nei servizi. Nonostante l’apprezzamento del franco in estate, anche sul fronte dei cambi il clima è migliore che negli anni scorsi.

Per il 2019 le previsioni restano a un +2%. Il commercio interno dovrebbe guadagnare importanza rispetto a quello estero, che risentirà di un rallentamento (o piuttosto di una normalizzazione) a livello internazionale.

Nel frattempo Barbara Janom Steiner è stata nominata dal Consiglio federale nuova presidente del consiglio della Banca nazionale svizzera (Bns). L’attuale direttrice del Dipartimento delle finanze succederà a Jean Studer, dimessosi per la fine di aprile 2019, quattro mesi dopo quindi che l’esponente del PBD retico avrà lasciato il Governo di Coira nel quale siede dal 2008 (il 1° gennaio 2019 entrerà in carica il nuovo Esecutivo).

Rilevato che la neonominata siede nel consiglio della banca dal 2015, il Consiglio federale sottolinea che la 55enne, grazie alla sua esperienza professionale e alla formazione in campo giuridico ed economico, “vanta comprovate competenze in diritto dell’economia e politica finanziaria”.

Giurista e avvocato, Barbara Janom Steiner è anche membro del comitato della Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (CDCF) e del comitato direttivo della Conferenza dei governi cantonali (CdC). “La sua esperienza pluriennale come membro del Consiglio di banca le permette di affrontare in modo ottimale le future sfide della BNS”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Trimestre in rosso per la Banca Nazionale Svizzera

Banche, Svizzera: Bns fa il pieno di utili nel primo semestre

Mercati, Svizzera: cauto ottimismo della BNS per quest’anno e il 2022

NEWSLETTER
Iscriviti
X