Hedge Italia – Clessidra SGR divorzia dagli alternativi

A
A
A
di Marco Mairate 29 Maggio 2009 | 11:30
La società di gestione specializzata nel private equity, ha deciso di chiudere il capitolo fondi speculativi e far confluire le attività alternative in una newco nata dalla recente joint venture tra MPS e Clessidra.

Il mercato italiano degli hedge fund si ridimensiona. Le deludenti performance del 2008 unite ai riscatti che hanno travolto l’industria, spingono verso un consolidamento necessario per fare massa critica e tornare in utile.
 

Nei primi 4 mesi dell’anno l’ufficio studi di Bluerating spiega che i riscatti per l’industria hedge italiana ammontano a 3.617 milioni di euro, portando così il patrimonio gestito complessivo a 11 miliardi.

Alle prime dieci posizioni per masse gestite, troviamo Mps AI (1.272 milioni); Aletti Gestielle Alt. (1.177 milioni); Eurizon A.I. (1.020 milioni); Azimut Capital Mgmt (889 milioni); Kairos Partners (887 milioni); Pioneer Alt. Inv Mgmt (859 milioni); Ersel Hedge (598 milioni); Duemme Hedge (516 milioni); Credit Agricole AM Alt. Inv. (501  milioni); Hedge Invest (496 milioni).
 

Ovviamente il mercato è molto compresso e i margini sono risicati. Proprio per questo motivo Clessidra SGR ha deciso di uscire dal business degli hedge dove era presente con Clessidra Alternative Investments SGR. O meglio, ne esce come player diretto, visto che la sgr alternativa passa sotto il controllo della joint venture nell’asset management (Prima SGR) realizzata da poco con Montepaschi.

(Nella foto il numero uno della unit alternativa, Claudio Sposito).

Secondo MF la decisione finale di chiudere con gli hedge è arrivata lo scorso novembre, quando la SGR incassò meno commissioni di quanto previsto. Al 30 novembre le perdite sono state di 906 mila euro, cifra praticamente uguale alla perdita del 2007 (961mila euro).

Visto che il totale delle perdite (1,9 milioni) era superiore ad un terzo del capitale della SGR (3,5 milioni di euro) la conseguenza diretta è stata quella di dover ridurre il capitale sociale per perdite.

Ma l’idea di ‘mollare’ gli hedge – racconta il quotidiano – sembra comunque rientrare nel progetto di fusione tra Clessidra e MPS asset management, dove nel verbale di assemblea si indicava che l’addio di Clessidra negli hedge rientrava negli accordi alla base dell’alleanza.
 

Clessidra SGR Spa, è stata costituita nel febbraio 2003, da un team composto da Claudio Sposito, Alessandro Grimaldi, Manuel Catalano e Matteo Ricatti (tutti con una precedente esperienza comune in Morgan Stanley) al quale si sono aggiunti i due specialisti del private equità, i Giuseppe Turri e Alessandro Papetti (rispettivamente già amministratore selegato e partner di Arca Impresa Gestioni). Ugo Belardi, Senior Manager di Accenture, è il Responsabile Operations. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: accordo tra Ue e Gran Bretagna può far rimbalzare la sterlina

Creval in rialzo a Piazza Affari, assemblea per rinnovo Cda si avvicina

Risparmio gestito: fondi hedge italiani non sono così speculativi

NEWSLETTER
Iscriviti
X