I laureati scelgono Eni, Fiat ed UniCredit Group

A
A
A
di Fabio Coco 1 Giugno 2009 | 10:20
I giovani laureati preferirebbero lavorare soprattutto presso realtà italiane, quali Eni, Fiat ed UniCredit. Motivi di tali scelte la solidità dell’azienda, la qualità dei prodotti forniti e le opportunità internazionali che tali società offrono.

Secondo l’ultimo studio di Emblema, pubblicata sul Sole 24 Ore di oggi, su un campione di 31.403 laureati provenienti da 76 diversi atenei, Eni risulterebbe la sede ideale di lavoro per il 9,22% degli intervistati. Nel podio delle prime posizioni dell’indagine, troviamo tre imprese italiane: oltre ad Eni, seguono al secondo e terzo posto Fiat (7,03%) ed il Gruppo UniCredit (6,45%). Seguono nella classifica delle prime dieci posizioni, L’Oreal (5,07%), Procter&Gamble (4,26%), Coca Cola HBC (3,75%), Ferrari (3,35%), BNL (2,98%), Mondadori (2,56%) ed Enel (2,12%).

Proprio il cavallino rosso, un anno addietro, precedeva Fiat nelle preferenze dei giovani neo-graduate italiani. Secondo l’intervista realizzata con Emblema sul quotidiano, le vicende di Fiat collegate alle società in difficoltà americane, starebbero donando un’immagine di affidabilità al Lingotto torinese.

I fattori decisivi che hanno motivato le preferenze dei laureati, sono state per il 16,3% il fatto che si tratta di un’azienda solida, per il 14,6% di un’azienda leader nel settore e per il 10,1% di un’azienda in continua crescita. Altre motivazioni della scelta di una società, sono state la qualità dei prodotti forniti, le opportunità internazionali, l’innovazione tecnologica, lo sviluppo professionale, le opportunità di formazione, l’attenzione al sociale ed, infine, la retribuzione, selta solo dal 4,4% del campione.

Per quanto riguarda, invece, i canali di informazione, i giovani interagiscono soprattutto con i social network (28,8%), al fine di raccogliere dati sui potenziali datori di lavoro, mentre il 24,2% di loro ricorre ad uffici di placement ed a career day organizzati dai propri atenei. Il 20,2% dei neolaureati, inoltre, si avvale direttamente dei siti internet aziendali e di ricerca di lavoro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio, le previsioni sul prossimo meeting Opec

Ftse Mib, quota 24.000 non è una chimera. Cinque big cap sotto la lente

Eni allunga il passo in scia al petrolio. I prossimi obiettivi tecnici

NEWSLETTER
Iscriviti
X