Stati Uniti e il “Government Motors”

A
A
A
di Marco Mairate 3 Giugno 2009 | 14:00
I dati macro continuano a mostrare un leggero miglioramento per l’economia Usa ma a discapito di un deficit che cresce a dismisura. Cole Kendall (foto), da Washington, ci racconta le ultime dagli states e soprattutto i retroscena del fallimento di GM.

BFC: Cole un altro campione nazionale finisce in bancarotta, ovviamente stiamo parlando di General Motors..

CK: L’amministrazione di Obama si è trovata di fronte a diversi soggetti, tutti con interessi contrastanti verso il colosso di Detroit. Manager, rivenditori, azionisti, obbligazionisti, lavoratori e pensionati, tutti sono andati da Obama a chiedere qualcosa.

BFC: cosa ha risposto a questi soggetti il Presidente degli Stati Uniti?

CK: Obama ha licenziato il management e chiuso un elevato numero di concessionari. Gli azionisti invece si sono fatti un bagno di sangue,  visto che il titolo ormai tratta sotto il dollaro di valore. Meglio è andata a fornitori e operai organizzati sindacalmente. Se il messaggio quindi è abbastanza chiaro, la strategia utilizzata è meno ovvia.

BFC: cosa intendi per strategia?

CK: Ci sono due mercati ben distinti in America, quello dei cosiddetti truck e quello delle auto. I truck includono i famigerati SUVs e altri grandi veicoli che vengono acquistati dai consumatori. Questa categoria è protetta da diverse norme tariffarie, facendo sì che i produttori, di solito, raggiungono solo il break-even per le piccole auto e fanno profitti con la vendita dei truck.

BFC: ma allora in cosa consiste il piano dell’amministrazione Obama?

CK: Il piano di Obama sembra volere cambiare poco di questa struttura di costi, difficilmente la nuova GM cambierà stipendi e orari di lavoro così da rendere il mercato delle piccole auto più profittevole. Al massimo l’attuale piano terrà in vita GM per alcuni anni fino a quando non verrà ‘fatta fuori’ dalla prossima generazione (o dalla prossima amministrazione meno generosa verso i lavoratori del settore auto).

BFC: spiegati meglio…

CK: Mettiamola così, oggi Gm sta cercando di diventare come Toyota o Honda senza però la storia di successo di questi due gruppi hanno nella realizzazione di piccole auto di qualità e con una struttura di costi molto più elevata. Mentre è verosimile che GM possa produrre delle ‘bellissime piccole auto’ più difficile immaginare che gli automobilisti americani vorranno pagare ‘un premio’ per averle nei loro garage.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Wall Street guarda a Obama e a fusioni e acquisizioni

Listini in frenata dopo dati macro e monito Obama

NEWSLETTER
Iscriviti
X