Aqa Capital apre ufficio a Milano

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Ottobre 2018 | 09:52

AQA Capital punta sul mercato italiano e apre a Milano il primo ufficio della branch. Asset & Wealth Management Company, oltre che ManCo Service indipendente di respiro internazionale, AQA è nata a Malta nel 2015 dall’esperienza di un gruppo di professionisti con track records diversi e complementari e l’obiettivo comune di offrire ai clienti un servizio di alto standing qualitativo sul modello svizzero e anglosassone a costi competitivi. AQA Capital si rivolge a un target sia istituzionale (banche, family office, intermediari) che private con servizi personalizzati di Investment Manager e Management Company, come la creazione di fondi UCITS e alternativi AIF in ambito mobiliare, private equity, real estate, arte e club deal, tagliati su misura delle esigenze del cliente.
“La scelta di sviluppare anche il mercato italiano ha origine proprio dalla decennale esperienza in ambito wealth management e asset management di noi soci, convinti che anche in Italia fosse necessario e importante sviluppare un modello di servizio evoluto, dedicato alla clientela istituzionale e private – commenta Alessandro Beggio, capo della divisione Wealth Management di AQA – L’Italia è un mercato dominato dalle grosse reti e banche dove il servizio di gestione patrimoniale discrezionale di matrice anglosassone ed elvetico non è così sviluppato. Il nostro modello prevede una pluralità di soggetti coinvolti, con il cliente come baricentro che sceglie la banca depositaria e AQA Capital che agisce con un mandato di gestione personalizzato disegnato su misura sul cliente”.
L’esperienza italiana parte con un team strutturato di 6 professionisti di ampia esperienza.
La guida operativa e di direzione generale è composta da Christian Manicaro, CEO, Alessandro Beggio, capo della divisione Wealth Management, e Gabriele Rossi, capo della divisione Asset Management.
La branch italiana, autorizzata da Banca d’Italia, sta proseguendo l’attività di selezione e reclutamento di professionisti e si pone l’obiettivo di inserire almeno altri 10 private banker nei prossimi 12 mesi, con meccanismi a incentivo con performance fee sui risultati conseguiti. I prossimi passi saranno rivolti al Nord Europa con in programma l’apertura di un altro ufficio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Recovery fund, “l’attimo fuggente” per i paesi europei

“Creature dal cielo”, il film che Boris Johnson non ha mai visto…

In cerca di “vittoria a ogni costo”: per i mercati è “L’ora più buia”

NEWSLETTER
Iscriviti
X