Italia e Regno Unito, tra dati macro e mercati

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Ottobre 2018 | 17:30

A cura di Stéphane Junod, CIO EMEA, Head of WD EMEA, Deutsche Bank Wealth Management
Dati positivi in Italia, ma le prospettive a lungo termine restano incerte. Il settore industriale italiano ha regalato ai mercati una piacevole sorpresa. Il +1,70% ottenuto dalla produzione industriale ad agosto è l’incremento mensile più consistente da dicembre 2017 a oggi. Sembra dunque che nonostante l’instabilità politica possa aver nuociuto ad azioni e obbligazioni e in una certa misura anche agli indicatori del clima economico (i dati “interpretativi”), non si registra un impatto sui dati “oggettivi”. A causa dei fiacchi dati di luglio, tuttavia, nel terzo trimestre molto probabilmente il risultato aggregato del settore industriale italiano mostrerà un leggero decremento dello 0,30%.
La debolezza del settore manifatturiero continua a risentire dell’apatico andamento della produzione automobilistica, la cui colpa non può essere attribuita alle difficoltà politiche interne italiane, dato che questa flessione è molto meno ampia di quella riscontrata ad esempio in Germania. Confermiamo la previsione del ritorno in territorio positivo della produzione industriale italiana nel 4° trimestre, ma la pubblicazione del bilancio previsionale del 2019 rende questa prospettiva meno certa.
È vero che generalmente gli allentamenti delle politiche di bilancio esercitano effetti ciclici favorevoli all’aumento del PIL. Secondo la Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (NADEF) pubblicata dal governo, tra il 2018 e il 2019 il deficit di bilancio depurato della componente ciclica aumenterà di circa un punto percentuale di PIL. Applicando i moltiplicatori standard, un maggiore deficit di bilancio di un punto percentuale di PIL potrebbe valere un aumento del prodotto interno lordo di circa lo 0,60-0,70%.
Tuttavia nel caso dell’Italia il beneficio effettivo potrebbe essere meno ampio: infatti la maggiore incertezza potrebbe raffreddare la propensione alla spesa dei consumatori e quindi indurre le famiglie a risparmiare. Le condizioni di finanziamento si sono già irrigidite dopo il consistente aumento dei rendimenti dei titoli pubblici, che potrebbe ripercuotersi sul settore bancario. Pertanto a nostro avviso l’aumento del PIL derivante dalla maggiore la spesa pubblica non supererà lo 0,50%.
Accelera l’espansione economica nel Regno Unito. Secondo l’Office for National Statistics, nel trimestre chiuso ad agosto il PIL del Regno Unito è aumentato dello 0,70%. Questo successo probabilmente permetterà all’economia britannica di mettere a segno il miglior trimestre dell’ultimo biennio. L’economia ha approfittato del calore estivo, che ha dato slancio all’edilizia e alle vendite al dettaglio. Tuttavia proprio queste buone  notizie sull’espansione economica rendono ancora più difficili le decisioni che attendono i dirigenti della Bank of England (BOE). L’alta occupazione fa aumentare i salari e per raffreddare i rincari dei prezzi la BoE potrebbe dover aumentare ancora il tasso d’interesse.
Ciononostante, considerati le incognite politiche e il contesto esterno più avverso, crediamo che la BoE sarà riluttante ad aumentare il tasso d’interesse prima che si chiarisca quale sarà l’esito più probabile della Brexit.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank lancia aumento di capitale da 8 miliardi e pensa a quotare l’asset management

DeAWM: “Se vogliamo che tutto rimanga come è bisogna che tutto cambi”

Portafoglio bilanciato: le scelte di DeAwm

NEWSLETTER
Iscriviti
X