Barclays cede BGI, BlackRock in pole position

A
A
A
di Cosimo Baccaro 8 Giugno 2009 | 14:15
Barclays ha annunciato che per la cessione della divisione BGI sono in lizza BlackRock e Bank of New York Mellon. L’operazione potrebbe concludersi nei prossimi giorni per una somma intorno ai 12 miliardi di dollari.
[s]Barclays[/s] mette sul mercato la sua divisione di asset management, Barclays Global Investors. E i pretendenti non hanno tardato a farsi avanti: sia [s]BlackRock[/s] che [s]Bank of New York Mellon[/s] hanno presentato le loro offerte.
L’operazione potrebbe concludersi nei prossimi giorni portando nelle casse della banca inglese una cifra vicina ai 12 miliardi di dollari. A Barclays rimarrebbe una quota del 20% della nuova società che si andrebbe a creare.
Barclays come è noto cerca di far cassa e dunque ha deciso di uscire dal settore del risparmio gestito annunciando le trattative per la cessione di BGI.
Ricordiamo che lo scorso 9 aprile Barclays era pervenuta ad un accordo con un fondo di private equity, CVC Capital Partners, per la vendita di [s]iShares[/s] per 4,8 miliardi di dollari. Il maggior gestore al mondo di ETF è una parte di BGI, per cui la vendita di BGI includerebbe anche la cessione di iShares. Nel preaccordo tra CVC e Barclays per la cessione di iShares era però prevista una clausola che permette a Barclays di cercare offerte migliori entro il 18 giugno, per cui la partita è ancora aperta.
BlackRock sembra favorita, anche perché si vocifera di un appoggio da parte di alcuni investitori mediorientali, ma Bank of New York Mellon incalza. Le trattative sono in fermento e fino al 18 giugno c’è ancora ampio spazio per eventuali colpi di scena.

Intanto oggi le principali piazze finanziarie europee hanno iniziato la settimana col segno meno. I listini sono trascinati al ribasso soprattutto dai titoli bancari, nonostante gli outlook positivi presenti nel report pubblicato dal broker Keefe Bruyette & Woods sulle banche europee.
Infatti il broker ha portato l’outlook sull’intero settore bancario europeo a overweight dal precedente neutral, promuovendo quindi il segmento. KBW ritiene inoltre che nonostante le banche non siano ancora definitivamente fuori dalla crisi, queste abbiano iniziato a porre in atto le misure adatte per uscirne al più presto come ad esempio la riduzione della leva e la rifocalizzazione del business. KBW ritiene infine che nel secondo trimestre del 2009 i risultati dovrebbe superare le previsioni, grazie soprattutto alle attività di investment banking e di trading.
Per ciò che riguarda le view sui singoli titoli, il broker preferisce UniCredit a Intesa Sanpaolo.
Infatti UniCredit viene promossa, con l’outlook che si alza da market perform a outperform. Il target price è stato fissato a 2,5 euro rispetto al precedente di 2,3 euro. Questa promozione è dovuta soprattutto alla esposizionedella banca milanese sul mercato dell’est Europa, il cui scenario si ritiene migliorerà rispetto a quello attuale.
Intesa Sanpaolo invece viene bocciata,  con l’outlook che viene tagliato da da outperform a market perform ed il target price abbassato a 3 euro dai precedenti 3,3 euro.

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche Börse (XETRA) 70,90 EUR -0,24%
American Express NYSE 24,95 USD -1,19%
Axa EURONEXT 14,72 EUR 2,54%
Azimut BORSA ITALIANA 6,94 EUR 2,21%
Banca Generali BORSA ITALIANA 6,09 EUR -4,09%
Bank of NY Mellon NYSE 28,22 USD -2,25%
Barclays LSE 18,63 USD 4,37%
BlackRock NYSE 163,74 USD -0,85%
BNP EURONEXT 47,85 EUR 0,62%
BPM BORSA ITALIANA 4,55 EUR -1,78%
Citigroup Inc NYSE 3,46 USD -3,08%
Credit Agricole EURONEXT 10,78 EUR 1,27%
Credit Suisse Group SWISS MARKET EXCHANGE 50,00 CHF 0,48%
Deutsche Bank Deutsche Börse (XETRA) 48,00 EUR 0,48%
Dexia EURONEXT 5,81 EUR 6,80%
Fortis EURONEXT 2,59 EUR -1,48%
FT Inv. NYSE 74,59 USD 1,77%
Goldman Sachs NYSE 149,01 USD -0,31%
Henderson LSE 89,00 GBp 2,59%
HSBC Investments LSE 524,00 GBp -1,37%
ING EURONEXT 7,88 EUR 4,54%
IntesaSanpaolo BORSA ITALIANA 2,47 EUR -0,70%
Invesco NYSE 17,38 USD -2,63%
Janus Capital Group NYSE 11,80 USD 3,87%
Jp Morgan NYSE 34,55 USD -2,26%
Julius Baer SWISS MARKET EXCHANGE 46,70 CHF 2,37%
Legg Mason NYSE 23,97 USD 2,13%
Man Group LSE 272,00 GBp 9,90%
Mediobanca BORSA ITALIANA 8,75 EUR 2,40%
Mediolanum BORSA ITALIANA 3,91 EUR 7,05%
Morgan Stanley NYSE 30,97 USD -0,7
4%
Montepaschi Siena BORSA ITALIANA 1,18 EUR -0,92%
Natixis EURONEXT 1,55 EUR 1,64%
Nordea bank OMXNORDICEXCHANGE 60,00 SEK 1,01%
Raiffeisen wienerborse 28,00 EUR 1,05%
Schroders LSE 871,00 GBp 3,08%
Skandia (Old Mutual) LSE 77,90 GBp 5,99%
State Street NYSE 47,27 USD -3,43%
Ubs SWISS MARKET EXCHANGE 15,01 CHF -3,29%
Unicredit BORSA ITALIANA 1,99 EUR 0,71%

Dati di chiusura del 5 giugno 2009, fonte Bluerating.com;

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Blueindex: dopo il +57% della scorsa settimana Mps guadagna altri 12 punti in avvio di ottava

Blueindex: Gam coglie il rimbalzo e riduce l’esposizione in Turchia

Blueindex: solo segni meno al termine della giornata di venerdì

NEWSLETTER
Iscriviti
X