Titoli di Stato Usa: rendimenti a fine corsa?

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Novembre 2018 | 16:30

A cura di Dws

I rendimenti dei titoli di Stato decennali americani quest’anno sono aumentati di quasi 80 punti base. Alcuni analisti stanno attribuendo l’aumento dei rendimenti alle turbolenze dei mercati azionari, sia a febbraio che ad ottobre. E sicuramente i numeri del settore immobiliare residenziale pubblicati recentemente (le vendite di nuove abitazioni a settembre sono prossime ai minimi degli ultimi 2 anni e mezzo) potrebbero avere un driver in più rispetto all’aumento dei prezzi: l’andamento a lungo termine della curva dei rendimenti costituisce la base per stabilire il prezzo della maggior parte dei mutui immobiliari negli USA. Quindi, dare un’occhiata ai rendimenti obbligazionari potrebbe non essere una cattiva idea.

Confrontando i rendimenti dei Treasury statunitensi a 10 anni con la variazione anno su anno del Leading Index USA, pubblicato dal Conference Board, il nostro “grafico della settimana” rivela una forte correlazione dall’inizio dal 2010 in avanti.
Quale sarà il prossimo passo? Nel 2018, l’economia statunitense sta sparando i suoi colpi migliori. Dopo un grandioso tasso di crescita annualizzato del 4,2% nel secondo trimestre, il Bureau of Economic Analysis ha indicato una prima stima per il terzo trimestre pari al 3,5%. Non c’è da meravigliarsi, visto il forte impulso, grazie soprattutto alla riforma fiscale. Andando oltre, tuttavia, il US Chief Economist di DWS, Josh Feinman, ci ricorda che probabilmente è il massimo che si possa avere. È difficile che si possa vedere la domanda interna accelerare ulteriormente. E in effetti, il cambiamento più rapido del Leading Index USA degli ultimi sei mesi indica già un lieve rallentamento. Quindi, osserva Bill Chepolis, Head of Fixed Income EMEA di DWS non ci basiamo sul recente picco dei rendimenti. Da un po’ di tempo notiamo che i tassi a breve, che la Federal Reserve ha alzato di oltre 200 punti base, potrebbero avere un impatto significativo sulla crescita. Questo può essere riscontrato nel recente andamento delle vendite e della produzione di automobili.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, il 2022 visto da Dws

Top 10 Bluerating: DWS domatrice dell’inflazione

Blue Economy, la strategia di Dws per puntare sull’economia degli oceani

NEWSLETTER
Iscriviti
X