Alphabet, perde forza dopo la trimestrale. La strategia di Vontobel Certificati

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Novembre 2018 | 09:30

A cura di Vontobel Certificati

Ottobre da dimenticare per i titoli Fang americani. Il Nyse Fang index infatti ha perso nel mese oltre l’8% in scia ai forti ribassi che hanno colpito i tecnologici. tra questi anche Alphabet, la holding di Google, che ha segnato un forte calo di quasi il 10% nello stesso periodo, portando ad un rosso del 1,7% la performance da inizio anno e sottoperformando il Nasdaq 100 circa del 8% e il Nyse Fang index del 14%. Dinamica legata in parte a fattori esogeni all’azienda, quali il rallentamento della crescita globale e il rialzo dei rendimenti del Treasury. Non ha aiutato anche il test delle trimestrali che ha visto la società americana chiudere con utili in aumento ma fatturato in crescita meno rispetto a quanto visto nel pari periodo 2017.

Infatti Alphabet ha archiviato ricavi a 33,47 miliardi di dollari, in crescita del 21,4% a/a, meno del 24% messo a segno nello stesso trimestre del 2017 e comunque sotto le previsioni del mercato. i ricavi pubblicitari di Google sono saliti del 20% a 28,95 miliardi. L’utile operativo si attesta a 8,3 miliardi, fissando la redditività al 25%, inferiore al 28% del pari periodo. L’utile netto invece è pari a 9,19 miliardi, 13,06 dollari per azione, in rialzo dai 6,73 miliardi, 9,57 dollari per azione, dello stesso periodo dello scorso anno. risultato dunque sopra le attese. Il mercato infatti si aspettava profitti per azione a 10,41 dollari.

Gli analisti rimangono convinti della bontà dell’investimento. infatti di 44 esperti che seguono il titolo (fonte: Bloomberg), 40 raccomandano buy e 4 hold. Target price a 1.350 dollari, ovvero con un rendimento potenziale sui prezzi attuali del 28,9%.

Da un punto di vista tecnico Alphabet ha dato un segnale negativo il 10 di ottobre con la rottura della media mobile 200 periodi e della trend line rialzista di lungo corso. Ovvero quella costruita sui minimi del giugno 2015 e giugno 2016. Dinamica che ha aperto ad ulteriori pressioni ribassiste che hanno velocemente riportato i corsi verso 1.000 dollari dove giace un supporto chiave. Movimento che è anche stato accompagnato da volumi molto forti. Questo supporto diventa dunque fondamentale per Alphabet. L’eventuale break in chiusura infatti aprirebbe verso 915 e 900 dollari. Al rialzo invece la prima resistenza importante da superare sarà quella collocata a 1.100 dollari, che permetterebbe al titolo di rimettere nel mirino la media mobile 200 periodi e la resistenza a 1.200 dollari. In caso di superamento di tale livello Alphabet potrebbe velocemente tornare sui massimi storici o segnarne di nuovi.

Strategia Long Prodotti: Certificato Vontobel Leva fissa 3x su Alphabet (codice Isin: DE000VN9D1G6); Covered Warrant Call su Alphabet (Isin: DE000VN9C899);

Strategia Short Prodotti: Certificato Vontobel Leva fissa -3x su Alphabet (Isin: DE000VN9D1H4); Covered Warrant Put su Alphabet (Isin: DE000VN9DPN3).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Le aziende di successo nell’era del Covid, da PayPal a Taiwan Semiconductor

Non dimentichiamo l’Europa durante le elezioni americane

Osmani (Martin Currie): “Titoli FAANG sopravvalutati, a parte Amazon”

NEWSLETTER
Iscriviti
X