Petrolio in balìa delle sanzioni all’Iran. Oggi i dati sulle scorte Usa

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Novembre 2018 | 15:30

di Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte SIM

La tanto temuta partenza delle sanzioni all’Iran del 5 novembre, si sta traducendo in un marcato calo del petrolio, a causa da un lato delle esenzioni concesse dagli Usa ad otto paesi tra cui Cina ed India, sia all’incremento delle scorte USA che, a parità di periodo, stano risalendo in modo marcato. Tutto questo sta comportando il ritorno in contango delle curve a termine sia del Brent sia del WTI.  Oggi sono attese le scorte Usa.

Lo scenario è di possibile ulteriore calo fino ad area 65-70 dollari per barile per il petrolio Brent prima di immaginare la ripresa del trend rialzista primario alimentato soprattutto dalla domanda cinese soprattutto in ottica primo semestre del 2019.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: il petrolio Brent sui livelli del 2018. I prossimi target e gli Etc

Mercati, petrolio ancora in rally. Le ragioni dei rialzi e gli Etc a Piazza Affari

Mercati, petrolio Brent: ecco fino a dove può arrivare e gli Etc a Piazza Affari

NEWSLETTER
Iscriviti
X