E' di Abramovich lo yacht più grande

A
A
A
di Marco Mairate 16 Giugno 2009 | 15:00
Lo scorso anno il miliardario russo patron del Chelsea Football Club ha perso 20 miliardi di dollari per la crisi finanziaria. Questo però non gli ha impedito di diventare l’armatore di Eclipse, il superyacht delle meraviglie.

Nel mondo dei GigaYacht (barche sopra i 60 metri di lunghezza) si parla solo di Eclipse, il mostro da 165 metri costruito per mister Abramovich. Con questa ultima ‘follia’ Abramovich sembra così volere dimostrare di essere ancora uno che conta nel risicato mondo dei plurimiliardari del globo. Un club che lo scorso anno è stato letteralmente falcidiato dalla crisi finanziaria che ha travolto borse e partecipazioni dei ricconi di mezzo mondo.

Spendere 500 milioni di euro, lira più lira meno, per una barca con un sistema missilistico degno di una portaerei, dovrebbe far tornare la figura di Abramovich sulla vetta del mondo, visto che oltre sul piano finanziario anche dal punto di vista sportivo le soddisfazioni stentano ad arrivare.

Con Eclipse vengono bruciati tutti i record della ‘diportistica’ privata, spingendo verso l’alto un settore che non conosce crisi e che trova in Italia uno dei principali produttori di megayacht al mondo.

Ma veniamo alla barca. Il cantiere è il tedesco Blohm & Voss, una certezza per ‘mostri’ di questo genere, mentre l’equipaggiamento prevede tra le altre cose, due piste per elicotteri, un sottomarino, finestre blindate e un accesso segreto che collega la camera di Abramovich al mare, così da poter fuggire in qualsiasi momento.

Intorno alla nascita di questo gigante regnava la segretezza più assoluta. Una cosa si sa però, l’ordine preciso del 40enne russo era di costruire un mostro capace di battere la barca privata più grande al mondo, Dubai (foto), il panfilo da 150 metri di proprietà dello sceicco Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, il numero uno del Governo di Dubai.

Il varo della barca è previsto per il 2010 e andrà ad affiancare gli altri tender del russo, il Pelorus (112 mt), Ecstasea (85mt) e il Sussurro (50mt). Nonostante le apparenze, ognuna di queste barche è stata disegnata e prodotta per uno specifico scopo. Il Pelorus per esempio, inizialmente disegnato per uno sceicco saudita, viene usato per divertirsi e ricevere fino a 22 ospiti.

L’Ecstasea, tutto decorato con motivi cinese, viene utilizzato per trasferimenti brevi o per essere affittato agli amici. Affittato si, visto che ogni anno Abramovich deve sborsare circa 30 milioni di dollari per il mantenimento della sua flotta, e qualche aiutino può sempre far comodo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti