Wall Street, i timori su Apple e Ge alimentano le vendite

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Novembre 2018 | 12:45

Tensioni a Wall Street con alcune big cap sotto pressione. Apple e Ge sopra tutti. I profit warning di due fornitori di Apple hanno spinto gli investitori a temere un calo delle vendite di iPhone e le vendite a Wall Street sono riprese in forze, con particolare focus sui semiconduttori e tecnologia varia.
Su Ge continuano a circolare invece voci di difficoltà sia sull’equity (il titolo in un mese è sceso da 13 a 8 dollari) sia sul debito obbligazionario. Con Goldman Sachs e Jp Morgan che starebbero guardando al dossier e che potrebbe riguardare spin off e vendita di asset.
In tutto questo i venditori sembrano tornati in controllo a Wall Street. “Avevamo segnalato dopo le elezioni di metà mandato che l’euforia avrebbe potuto avere vita breve se contenuta da una resistenza importante – commenta Alessandro Balsotti, strategist di Jci Capital – Il livello ha in realtà lavorato magistralmente e il mercato, con una discesa impulsiva in due sole sessioni, ha lasciato ben poco tempo per ragionare in prossimità del nostro target tattico (media mobile a 200 giorni e 50% di Fibonacci), attraversandolo di slancio per portarsi a ridosso di un area da monitorare con attenzione (2700-2710) delimitata dal minimo iniziale di ottobre (11 ottobre) e dai minimi di fine giugno. Concediamo pure il beneficio del dubbio a una price action forse condizionata dalla scarsa liquidità e dai volumi ridotti di ieri (Wall Street formalmente aperta ma desk probabilmente sguarniti per il Veterans Day). In ogni caso un’estensione della discesa e una chiusura sotto questi livelli (2700-2710) potrebbe dare una preoccupante conferma di fragilità a investitori che solo un paio di sessioni fa era pronto ad abbracciare con entusiasmo il mito sempreverde del rally di fine anno”.  M.M.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bernerdeschi (Jci Capital): “Valutazioni ora interessanti sull’azionario”

Quanto sarà “dovish” la Fed?

Brexit: quali scenari si prospettano?

NEWSLETTER
Iscriviti
X