Obama detta le nuove regole di controllo sulla finanza

A
A
A
di Marco Mairate 17 Giugno 2009 | 08:10
Ieri il Presidente Barack Obama ha svelato quella che sarà il ‘corpus’ del nuovo sistema di controlli che verrà applicato negli Stati Uniti. Più poteri alla FED e nuovi organi di controllo.

La Federal Reserve sarà al centro del nuovo sistema di organi di controllo che in futuro dovranno evitare nuove crisi finanziarie.

Al centro di questa architettura la Federal Reserve, cui si affiancheranno un  concilio di regolatori e un nuovo organo per la protezione dei consumatori.

Secondo il nuovo progetto, la Fed in futuro non dovrà chiedere nessuna approvazione sul suo operato e puntare così a sconfiggere i rischi sistemici sparsi per il sistema. I nuovi poteri saranno affiancati da requisiti finanziari più stringenti per le banche, in particolare per quelle di interesse strategico, e un’ulteriore rafforzamento della infrastruttura interna dei mercati finanziari.

Il presidente Obama mira inoltre a frenare l’eccessivo rischio insito nella cosiddetta securitization dei mercati e intende anche cambiare le regole con cui vengono pagati i manager.

Dal canto suo, la Fed si occuperà di controllare giorno per giorno gli attivi delle grandi banche; in aggiunta verranno supervisionate direttamente le compagnie non bancarie che raggiungono una dimensione e complessità paragonabile a quella delle grandi banche.

Ma non tutti i poteri saranno nelle mani della Fed. Anche la  Federal Deposit Insurance Corporation (l’autorità che controlla e garantisce i depositi dei risparmiatori americani) avrà speciali poteri di porre fine all’attività di importanti istituzioni finanziarie.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Wall Street guarda a Obama e a fusioni e acquisizioni

Listini in frenata dopo dati macro e monito Obama

NEWSLETTER
Iscriviti
X