Italia ancora sotto pressione

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Novembre 2018 | 15:00

Di Jon Day, gestore reddito fisso di Newton IM (BNY Mellon IM)

Il governo italiano non si è smosso dalla propria posizione, salvo che per esprimere la volontà di accelerare il programma di privatizzazione all’1% del PIL nel 2019, e per richiedere flessibilità in merito agli sforzi di supporto alla popolazione per le alluvioni e il crollo del ponte di Genova. La palla torna adesso all’Unione Europea, che ha tre settimane per decidere se attuare la Procedura di deficit eccessivo per l’Italia.

Queste notizie non dovrebbero offrire alcun sollievo, nel breve termine, ai titoli italiani, poiché non segnano la fine immediata dell’incertezza politica. Con la BCE pronta a concludere il proprio programma di quantitative easing alla fine dell’anno, è probabile che le obbligazioni italiane resteranno sotto pressione, con la necessità di trovare nuovi acquirenti.

Il governo italiano corre un grande rischio nell’aumentare la propria richiesta di finanziamenti proprio quando la dipendenza dagli investimenti privati sta aumentando. Dal mercato dovranno probabilmente arrivare 30 o 40 miliardi di euro aggiuntivi per soddisfare le esigenze di finanziamento dell’Italia.

 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, nuovi fondi Bny Mellon per la rete

Fondi, BNY Mellon IM lancia il Responsible Horizons Euro Corporate Bond

Fondi di investimento, arriva il nuovo fondo BNY Mellon Future Eart

NEWSLETTER
Iscriviti
X