Mef, allo studio una cessione a Cdp di Enav, Eni, Enel, Leonardo, StM e Poste Italiane

A
A
A
di Finanza Operativa 15 Novembre 2018 | 12:00

Il Ministero dell’Economia è tornato a studiare la cessione a Cdp del 53,28% detenuto in Enav e di una quota pari a circa il 3,3% di Eni, con un controvalore complessivo di circa 3 miliardi di euro ai valori attuali. Secondo quanto riportato da Reuters da due fonti vicine al dossier, le obiezioni mosse a fine 2017 da Eurostat all’operazione sarebbero “superabili”.

Non solo. In base ad altri rumors stampa, il piano prevederebbe anche lo spostamento anche delle partecipazioni in Enel, Leonardo e STMicroelectronics oltre al 30% di Poste Italiane.

Di fronte a queste prospettive, al momento a Piazza Affari Eni è sostanzialmente invariata ed Enav guadagna l’1,3%. Per contro, Enel cede lo 0,3%, Leonardo lascia sul campo il 2% e Poste Italiane il 2,4%. Il tutto in una seduta in cui l’indice di riferimento Ftse Mib cede al momento poco più del mezzo punto percentuale.    G.R.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Euronext, Intesa e Cdp entrano in aumento

Accordo Generali-Cdp: nuovi investimenti per le Rsa

Atlantia, Aspi: dopo le manette Cdp si tira indietro? Governo all’angolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X