Btp Italia, cosa fare

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Novembre 2018 | 18:30

A cura di Luca Rescigno, Research Analyst di Marzotto Invstment House
In seguito alla comunicazione del Tesoro della cedola reale minima fissata all’1.45% del BTP Italia novembre 2022 che verrà emesso lunedì 19 novembre siamo in grado di determinare l’appetibilità del titolo sul mercato primario. Considerata la curva dei BTP a tasso fisso tale cedola fornirebbe al titolo un rendimento prospettico a scadenza del 2.6% circa, ovvero 20Bps al di sopra della curva dei BTP Nominali.

Con il protrarsi dell’incertezza che avvolge i governativi italiani, i BTP Italia restano favoriti rispetto ai BTP€.i. e BTP nominali, i quali  incorporano un rischio di credito maggiore. Pertanto, la nuova emissione avviene in un momento particolarmente favorevole (in termini relativi) per il segmento dei linkers legati all’inflazione italiana, i quali – come si può notare dalla seguente tabella – al momento offrono in media un pick-up minore dei BTP legati all’inflazione europea.

In conclusione, nonostante i BTP€i siano più attraenti in termini di pick-up, qualora il clima di incertezza dovesse persistere i BTP Italia continuerebbero a beneficiarne in termini relativi. Pertanto, una cedola reale dell’1.45% rende l’investimento piuttosto attraente per investitori BTP che vogliono contenere l’esposizione al rischio Italia.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

MOT Borsa Italiana: record con oltre 22 mld raccolti per il nuovo Btp Italia

Speciale Road to ITForum, Poletto (Borsa Italiana): “Nuovo Btp Italia, uno strumento giusto al momento giusto”

Nuovo Btp Italia, ecco le novità

NEWSLETTER
Iscriviti
X