Yuan, target a 7 contro dollaro

A
A
A
di Finanza Operativa 27 Novembre 2018 | 17:30

A cura di Deutsche Bank Wealth Management
• Da ottobre in poi il tasso di cambio della valuta cinese fluttua in una fascia ristretta da 6,90 a 7 yuan per un dollaro.
• Questa stabilizzazione del tasso di cambio contrasta radicalmente con l’andamento nel periodo da aprile ad agosto, quando lo yuan era scivolato fino a quota 8,70% rispetto al dollaro.
• A nostro avviso alla stabilizzazione dello yuan ha contribuito l’intervento della Banca popolare cinese, particolarmente dopo l’introduzione di un fattore anticiclico nel calcolo del tasso di cambio.
• Inoltre dopo i recenti allentamenti di bilancio e monetari decisi dal governo, gli operatori sono diventati leggermente più ottimisti sull’economia cinese rispetto ad alcuni mesi fa.
Nei prossimi 12 mesi prevediamo la stabilizzazione del tasso di cambio a 7 yuan per un dollaro. Riteniamo improbabile che nel 2019 lo yuan superi l’importante soglia psicologica di 7 rispetto al dollaro, nonostante l’ulteriore margine di apprezzamento di quest’ultimo se la Federal Reserve aumenterà ancora il tasso d’interesse.
• Ricordiamo alcuni fattori che a nostro parere potrebbero avvantaggiare lo yuan:
• Ulteriori conferme nei prossimi mesi dell’efficacia dei provvedimenti di stimolo attuati per sostenere l’economia e nuovi investimenti in infrastrutture, alcuni dei quali già avviati a ottobre.
• La consapevolezza dei dirigenti cinesi che un’ampia svalutazione dello yuan nuocerebbe gravemente allo stato d’animo dei mercati e quindi non sarebbe utile all’economia. Recentemente il governo ha già manifestato la ferma intenzione di sostenere la Borsa cinese.
• La convinzione che un’eventuale ampia svalutazione rispetto al dollaro ostacolerebbe il negoziato commerciale con gli Stati Uniti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Aumento del tasso d’inadempienza in Asia

NEWSLETTER
Iscriviti
X