Riduzione del rischio con obbligazioni a breve termine

A
A
A
di Finanza Operativa 29 Novembre 2018 | 14:30

Di J. M Schneider, T. Adatia e K. Chambers, Pimco

Mentre si avvicinano le festività natalizie, la maggior parte degli investitori comincia a pensare di fuggire in qualche posto lontano ed esotico o di passare il tempo con la famiglia e gli amici. Sfortunatamente, sottolineano Schneider, Adatia e Chambers, i mercati non si prendono sempre una pausa durante le festività. Quindi gli investitori preoccupati per l’aumento dei tassi o improvvisi ribassi dei mercati azionari potrebbero voler prendere in considerazione la possibilità di ridurre il rischio nei loro portafogli come parte della loro preparazione per le festività natalizie.

  • Prepararsi all’aumento dei tassi: l’aumento dei tassi di interesse è un elemento fisso dei mercati nella fase finale del ciclo economico. Nei prossimi 12 mesi, è probabile che i tassi di interesse aumentino, soprattutto negli Stati Uniti, dove la crescita economica rimane al di sopra della tendenza. Gli esperti di PIMCO prevedono tre ulteriori aumenti dei tassi della Federal Reserve entro la fine del 2019. Secondo Schneider, Adatia e Chambers le strategie obbligazionarie a breve termine hanno una bassa duration, in genere un anno o meno, e quindi possono contribuire a ridurre la sensibilità di un portafoglio ai cambiamenti dei tassi d’interesse mentre la Fed aumenta gradualmente i tassi.
  • Fare attenzione alle flessioni/ ridurre la volatilità: con il peggioramento delle condizioni finanziarie, gli investitori potrebbero voler “fare attenzione alle flessioni”. Secondo gli esperti di PIMCO, i tassi più alti hanno contribuito a frenare i mercati azionari in ottobre e la maggiore volatilità azionaria non sembra essere una preoccupazione importante per la Fed.
  • Gestione della liquidità: con l’aumento dei tassi e l’aumento della volatilità, gli investitori, secondo Schneider, Adatia e Chambers, potrebbero essere tentati di ridurre il rischio passando ai certificati di deposito bancari (CD). I CD sono depositi a tempo, che richiedono specifici periodi di investimento, o “lock-in”, da un mese a diversi anni, e il ritiro anticipato di solito porta a sanzioni o forfeiting degli interessi guadagnati. Gli esperti di PIMCO ritengono che ciò possa creare inconvenienti per gli investitori. A seconda della strategia, gli investitori in obbligazioni a breve termine possono avere un accesso più pronto alle loro asset.

Mentre le strategie obbligazionarie a breve termine gestite attivamente hanno alcuni vantaggi distinti, tra cui la ripresa del potenziale di rendimento, gli investitori devono valutare attentamente i pro ei contro. A differenza dei CD bancari, le strategie obbligazionarie a breve termine non sono assicurate dalla FDIC, non sono un deposito o obbligo di una banca e non sono garantite. Sono soggetti a rischi di investimento, inclusa la possibile perdita del capitale.

Per gli investitori che cercano di preparare i loro portafogli per la probabilità di una maggiore volatilità nei mesi a venire, mentre la Fed continua ad aumentare gradualmente i tassi, secondo gli esperti di PIMCO, una strategia obbligazionaria a breve termine può offrire un modo semplice per ridurre il rischio pur cercando di generare reddito e mantenere la liquidità.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Obbligazioni a breve, il punto di Pictet

Portafoglio bifocale: sfruttare ancora il rialzo ma prepararsi anche alla sua fine

Russia: interessante nel breve, ma attenzione per il lungo termine

NEWSLETTER
Iscriviti
X