La guerra commerciale Usa non ha centrato gli obiettivi: il caso dell’acciaio

A
A
A
di Finanza Operativa 3 Dicembre 2018 | 12:30

A cura di Agnieszka Gehringer, Senior Research Analyst di Flossbach von Storch

Dall’inizio del 2018 l’amministrazione Trump ha adottato diverse misure protezionistiche sulle importazioni statunitensi. Non si intravede alcuna distensione. In vista del prossimo vertice del G-20 a Buenos Aires, il presidente degli Stati Uniti ha minacciato di intensificare le misure protezionistiche sulle importazioni cinesi ed europee negli Stati Uniti.
L’economia statunitense sta ancora andando bene. Inoltre, alcune simulazioni indicano che le barriere commerciali potrebbero persino conferire all’economia statunitense un vantaggio netto. I dati sembrano contraddittori. Utilizzando l’esempio dei dazi all’importazione di prodotti siderurgici, questo studio dimostra che gli obiettivi fissati dal protezionismo non sono stati raggiunti.

Il protezionismo statunitense è un gioco da ragazzi?
In un recente studio di simulazione, Zoller-Rydzek e Felbermayr mostrano che, mentre i dazi doganali sulle importazioni cinesi hanno un effetto distorsivo sulle decisioni dei consumatori da parte dei cittadini statunitensi, il trasferimento degli effetti doganali ai fornitori cinesi consentirebbe agli Stati Uniti di raggiungere un vantaggio netto di 18,4 miliardi di dollari. Di conseguenza, il protezionismo statunitense si dimostrerebbe efficace. Tuttavia, questo calcolo di simulazione sembra semplificare eccessivamente la realtà, come dimostra questo documento sugli effetti del protezionismo sulle importazioni di acciaio.

I dazi sulle importazioni dell’acciaio

A seguito dei risultati di un rapporto del Segretario di Commercio dell’11 gennaio 2018, in cui si afferma “che I prodotti in acciaio vengono importati negli Stati Uniti in quantità e in circostanze tali da minacciare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, il Presidente Trump ha deciso di utilizzare questa “opzione nucleare” e ha imposto l’8 marzo 2018 un dazio del 25% ad valorem sulle importazioni di prodotti in acciaio da un gran numero dei suoi partner commerciali, con effetto dopo 15 giorni. Sono state offerte esenzioni temporanee al Canada, al Messico e all’ultimo minuto all’UE, all’Australia, all’Argentina, al Brasile e alla Corea del Sud.

Nell’annunciare la misura, il presidente Trump ha affermato che “questo provvedimento aiuterà la nostra industria siderurgica nazionale a rilanciare le strutture inutilizzate, ad aprire le fabbriche chiuse, a conservare le competenze necessarie assumendo nuovi lavoratori e a mantenere o aumentare la produzione, il che ridurrà la necessità del nostro Paese di affidarsi a produttori stranieri per l’acciaio e garantirà che i produttori nazionali possano continuare a fornire tutto l’acciaio necessario per le industrie critiche e la difesa nazionale”.

Effetti economici dei dazi sull’acciaio
In termini di effetti commerciali, la figura 1 mostra che la bilancia commerciale sia dei prodotti siderurgici che del settore di produzione di ferro e acciaio ha continuato a deteriorarsi dopo l’imposizione di dazi, il che è in contrasto con gli effetti previsti.
Dall’aprile 2018, la crescita dell’orario di lavoro settimanale aggregato per i lavoratori della produzione e non-supervisori nel settore dei metalli primari (la produzione siderurgica rappresenta la quota maggiore) ha anch’essa rallentato rispetto al suo massimo ciclico del marzo 2018 (Figura 2). Ne consegue che, dopo nove mesi di vigenza, i dazi sull’acciaio non hanno raggiunto il loro obiettivo principale.

Note: Primary metal manufacturing subsector consists of five industry groups: iron and steel mills and ferroalloy manufacturing, steel product manufacturing from purchased steel, alumina and aluminum production and processing, nonferrous metal (except aluminum) production and processing, and foundries.
Che cosa è successo in altri settori interdipendenti dell’economia statunitense, in particolare la lavorazione dell’acciaio, i macchinari, i prodotti metallici, i veicoli e i pezzi di ricambio e le apparecchiature elettriche? Non vi sono prove di un impatto diretto dei dazi sui prodotti siderurgici sui volumi di produzione. Allo stesso tempo, i costi di produzione espressi in termini di Indice dei prezzi alla produzione (PPI) hanno mostrato una dinamica notevole. Ciò è particolarmente vero per la lavorazione del ferro e dell’acciaio, dove l’inflazione del PPI ha raggiunto il 25,7% nell’ottobre 2018. Anche la fabbricazione di prodotti metallici, apparecchiature elettriche e macchinari ha subito una significativa accelerazione dell’inflazione del PPI dopo il marzo 2018, superando le medie storiche. Fa eccezione la costruzione di veicoli, dove l’inflazione del PPI è cresciuta relativamente moderatamente dallo 0,8% in aprile all’1,9% in settembre.

Se i prezzi alla produzione hanno subito un’accelerazione, ci sono prove che il danno è stato assorbito dai lavoratori? Sebbene la crescita totale settimanale delle ore di lavoro per i prodotti metallici e le apparecchiature elettriche sia diventata un po’ meno dinamica, il quadro non mostra ancora danni evidenti. È concepibile che il verificarsi di questo effetto negativo richieda un certo tempo. È meno probabile che questo effetto negativo sarà tramutato in un aumento dei prezzi all’esportazione.

Conclusioni

Le guerre commerciali non sono così facili da vincere come sostiene Donald Trump. Il caso dei dazi all’importazione dell’acciaio dimostra che, sebbene finora non si siano verificati danni di rilievo, i primi effetti negativi involontari si stanno manifestando nell’industria di trasformazione dell’acciaio negli Stati Uniti. Più a lungo saranno in vigore e più ampie saranno le misure protezionistiche, più alta sarà la probabilità che presto produrranno un impatto più significativo. Ancora più importante è il fatto che le misure protezionistiche sull’acciaio non sono state in grado di raggiungere uno degli obiettivi di sostegno alla produzione nazionale e all’occupazione nel settore protetto. Ironia della sorte, le dinamiche occupazionali in questo settore hanno subito un rallentamento dopo l’introduzione delle tariffe protezionistiche.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X