Ripresa del mercato nel 2019

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 19 Dicembre 2018 | 10:00

A cura di Charles Kantor, Senior Portfolio Manager e capo della strategia US Long- Short equity, Neuberger Berman
Riteniamo che nel 2019 ci sarà una ripresa del mercato e sarà probabilmente incentrata sull’idea che le valutazioni attuali, abbinate ad una crescita degli utili del 5-8% nel 2019, forniscano agli asset azionari una proposta di rischio/rendimento interessante. Le valutazioni rimangono interessanti perché riteniamo che una buona parte dei rischi più negativi sia già stati scontati. Notiamo inoltre che gli orizzonti temporali contano – e il contesto attuale fornisce un profilo di rischio/rendimento particolarmente favorevole per coloro che hanno la capacità di prendere posizioni a lungo termine.
Nelle ultime settimane si sono verificati tre importanti sviluppi macroeconomici, tra cui: (1) il “pivot” di Powell, che è stato probabilmente rafforzato dall’ultima relazione sull’occupazione meno negativa, (2) i 90 giorni di tregua tra USA e Cina, compresa la notizia data dal Wall Street Journal che annuncia l’intenzione della Cina di acquisire grandi quantità di beni e servizi (ad esempio, soia, gas naturale) e anche prendere in considerazione la riduzione delle tariffe sulle automobili, e (3) l’ultimo accordo OPEC, che dovrebbe evitare che il prezzo del petrolio greggio continui a scendere. Nonostante questi tre aspetti positivi, sembra però che il mercato stia rimanendo concentrato solo sull’arresto del CFO di Huawei.
Nei prossimi mesi, riteniamo che i guadagni e i flussi di cassa determineranno i rendimenti e quindi la nostra attenzione rimane focalizzata sulla valutazione del profilo di rischio/rendimento dei singoli titoli. Dal punto di vista azionario, ci troviamo ancora nel mezzo di una decelerazione da una crescita “above-trend” ad una crescita “trend”, sullo sfondo di valutazioni del mercato azionario generalmente ragionevoli.
Ricordiamo inoltre agli investitori di essere selettivi e di fare attenzione a non assumere posizioni troppo reattive, come evidenziato da alcune delle rapide inversioni di mercato di quest’anno. Anche se quest’anno è stato difficile, siamo fermamente convinti che ci sia un sostanziale divario di valore tra il prezzo attuale di molti titoli e il valore intrinseco che può determinarsi in un’ottica di lungo termine.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: azioni value in pole position

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi degli analisti A2a a Stellantis

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi degli analisti da Anima a Stellantis

NEWSLETTER
Iscriviti
X