Svizzera, Pil rivisto al ribasso

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 20 Dicembre 2018 | 13:30

In Svizzera la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) ha corretto al ribasso le previsioni sulla crescita elvetica nel 2019: il Pil, secondo quanto riportato dal sito web della Rsi, aumenterà dell’1,5%, contro il +2,0% previsto tre mesi fa. Gli esperti della Confederazione ritoccano anche la stima per l’anno in corso, che scende dal +2,9% al +2,6%, e avanzano un primo pronostico per il 2020: +1,7%. Dopo cinque trimestri consecutivi di forte crescita, nel terzo trimestre di quest’anno la congiuntura elvetica ha subito una brusca battuta d’arresto, facendo registrare un calo del PIL dello 0,2%.

Alla seppure limitata crescita hanno contribuito sia il comparto industriale che quello terziario. Nell’industria manifatturiera la creazione del valore aggiunto è leggermente scesa (-0,6%): dopo il forte dinamismo osservato in passato questo equivale a una normalizzazione ad alto livello, commentano gli esperti della Confederazione. Nel commercio la creazione di valore ha registrato un netto calo (-1,0%) sia per il comparto al dettaglio che per quello all’ingrosso, dopo un trimestre precedente già negativo. Il settore finanziario ha segnato una diminuzione: la ripresa che si protraeva da alcuni trimestri è stata interrotta (-1,1%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, i dati macroeconomici da tener sott’occhio settimana prossima

Dati macro Usa positivi ma il mercato dei tassi già lo scontava

Mercati, la Fed sacrifica la Borsa per cercare di salvare il dollaro

NEWSLETTER
Iscriviti
X