Banche, settore quasi dimezzato in Ticino dallo scoppio della crisi internazionale

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Dicembre 2018 | 13:30

Il Centro di studi bancari svizzero ha scattato una fotografia del settore a dieci anni dallo scoppio della crisi finanziaria internazionale: rispetto al 2008, in canton Ticino gli istituti, che erano 77, sono diminuiti quasi della metà (nel 2017 ne restavano 42), gli sportelli sono un terzo di meno (184) e solo nell’ultimo anno sono andati persi 240 impieghi.

La perdita di posti di lavoro nelle banche ticinesi confrontate con il dato svizzero
La perdita di posti di lavoro nelle banche ticinesi confrontate con il dato svizzero (ASIB)

Ad aver chiuso i battenti nel cantone, secondo quanto riportato dal sito web della Rsi, sono state soprattutto le insegne straniere, mentre la Raiffeisen ha ridotto di molto la sua capillare presenza sul territorio. Il calo è però compensato dall’aumento delle fiduciarie, nonostante la nuova direttiva dell’Unione Europea le penalizzi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, settore finanziario: cosa fare dopo le trimestrali

Banche, crediti deteriorati: arriva il diktat

Banca Widiba, è tempo di tornare in classe

NEWSLETTER
Iscriviti
X