Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

A
A
A

Secondo l’ultimo report sui derivati, stilato dall’IFSL institute di Londra, la crescita prodigiosa del settore ha subito un contraccolpo: da una parte il maggior ricorso ai mercati regolamentati, dall’altra la crisi finanziaria hanno frenato volumi e dimensioni del mercato.

Avatar di Marco Mairate1 luglio 2009 | 09:10

IL MERCATO DEI DERIVATI OTC

Il valore nominale dei derivati scambiati sui mercati OTC è sceso del 15% rispetto il picco del 2008. In dettaglio il valore di questo immenso mercato è pari (valore nominale) a 592 trilioni di dollari (fine 2008) contro i 684 trilioni dello scorso giugno.

Il dato rappresenta la prima contrazione di questo settore, da quando la The Bank for International Settlements (BIS) ha iniziato a raccogliere dati a riguardo.

I motivi dietro questo calo: il sempre maggior ricorso alle clearing house per regolare le operazioni (così come indicato dal summit finanziario di Londra) e la chiusura volontaria di alcuni contratti in essere che hanno ridotto il valore totale dei CDS.

Il valore lordo del mercato è più che raddoppiato nel 2008, passando da 16 a 43 trilioni di dollari, come risultato della volatilità dei prezzi associata ai maggiori rischi insiti in alcuni contratti. Il maggior valore di mercato si riflette in un aumento della esposizione sul credito lorda, che che è salita a 5 trilioni di dollari.

A livello di singoli strumenti: i tassi di interesse rimangono i più utilizzati, occupando il 71% dell’intero valore nozionale. I derivati che si basano sui mercati esteri hanno segnato una crescita dell’8%. Ma in generale, il valore dei contratti derivati su valute, CDS, materie prime e derivati legati al mercato equity è sceso nel 2008. Dollaro ed euro sono ovviamente le due valute più utilizzate nei derivati sui tassi di interesse, rispettivamente con il 37% e 35% del mercato.

Il Regno Unito è stato il principale centro di scambio per i derivati nell’aprile del 2007, fissando una market share del 43%. Subito dopo gli Stati Uniti con il 24% del mercato globale.

EXCHANGE TRADED DERIVATIVES

Il valore nozionale dei derivati scambiati sui mercati regolamentati è sceso del 29% nella seconda metà del 2008, mentre il valore degli scambi si è contratto del 47% negli ultimi 12 mesi fino al primo trimestre 2009. I dati raccolti relativi ai primi sei mesi del 2008, segnalano però un calo degli scambi di solo il 3% nel 2008 a 2.214 trilioni i dollari, con una crescita del 25% nei precedenti quattro trimestri.

Secondo la BIS il calo nell’attività di trading durante la seconda metà del 2008 è legata ad una combinazione di riduzione del rischio, l’attesa per tassi di interesse stabili in alcuni dei maggiori mercati e il calo dell’attività tipica degli hedge fund.

Nel primo trimestre del 2009 il calo dell’attività è stato el 3% ma per l’intero anno si prevede un calo degli scambi del 25% rispetto i dati del 2008.

In base ai dati sul transato, il più grande mercato al mondo risultano i gruppi CME di Chicago, il NYSE Euronext e l’Eurex. Questi tre mercati, insieme, rappresentano più delle metà di tutte le operazioni che si svolgono sul mercato.

Londra ha un grande impatto sulle operazioni exchange-traded; il NYSE Liffe è il leader nelle operazioni di breve termine sui tassi di interesse.

Più del 90% degli scambi sui future di beni non ferrosi passa attraverso il London Metals Exchange. L’ICE Futures Europe è invece il leader nei mercati elettronici per i prodotti energetici. L’European Climate Exchange, parte del gruppo ICE Futures Europe, è il mercato principe per il mercato delle emissioni di carbonio, sia sui fiture che i sulle opzioni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

Ti può anche interessare

Italia, Istat: poca crescita ma sopra le stime

Nuove notizie sul fronte economico italiano. Nel 2019 il Pil è previsto crescere dello 0,3% in term ...

Borse, ritorna la guerra dei dazi

Apertura di settimana pesante per le Borse europee a causa del ritorno della guerra dei dazi tra Sta ...

Caso Lambri, arriva la sospensione cautelare di Ocf

Negli ultimi giorni è finito sotto i riflettori della cronaca nazionale il caso della consulente fi ...