Dal World Economic Forum 10 previsioni per l’economia globale nel 2019

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 17 Gennaio 2019 | 12:00

Dalla riunione annuae del World Economic Forum sono emerse diverse previsioni e scenari per l’economia globale quest’anno, riassumibili in dieci punti. Eccoli di seguito.

1. L’economia statunitense rimarrà al di sopra della tendenza
Sulla base delle stime sulla crescita sostenibile della forza lavoro e della produttività, valutiamo la tendenza, o potenziale, della crescita dell’economia statunitense intorno al 2,0%. Nel 2018, la crescita degli Stati Uniti era ben al di sopra della tendenza al 2,9%, sebbene l’accelerazione fosse quasi interamente dovuta a una grande dose di stimoli fiscali sotto forma di riduzioni delle imposte e aumenti della spesa. L’impatto di questo stimolo si farà sentire ancora nel 2019, ma diminuirà man mano che l’anno avanza. Di conseguenza, prevediamo una crescita del 2,6% nel 2019, meno che nel 2018, ma ancora al di sopra della tendenza.

2. L’espansione dell’Europa rallenterà ancora di più
La crescita dell’eurozona ha raggiunto il picco nella seconda metà del 2017 e da allora è diminuita costantemente. IHS Markit prevede un ulteriore calo dell’1,5% nel 2019. L’incertezza politica, compresa la Brexit, le sfide al governo di Emmanuel Macron e l’indebolimento della cancelleria di Angela Merkel stanno contribuendo a un calo del sentiment aziendale. Anche fattori economici come l’inasprimento delle condizioni del credito e l’intensificarsi delle tensioni commerciali stanno guidando la decelerazione della crescita.

3. La ripresa del Giappone rimarrà debole e la sua economia crescerà meno dell’1% nel 2019
Si prevede che l’economia giapponese si espanderà dello 0,8% nel 2018, con un aumento solo lievemente nel 2019 dello 0,9%. Il rallentamento dell’economia cinese e le ricadute delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina sono in aumento. La politica monetaria continuerà ad essere ultra-accomodante il prossimo anno. Il declino ciclico della crescita del Giappone si sta verificando in un contesto di crescita a lungo termine molto debole. I dati demografici negativi – in particolare una forza lavoro in declino – non vengono compensati da una crescita della produttività sufficientemente forte. La “terza freccia” di Abenomics, che avrebbe dovuto implementare significative riforme strutturali e aumentare la produttività, è stata lenta a concretizzarsi.

4. L’economia cinese continuerà a rallentare
Il tasso trimestrale di crescita cinese è in costante calo dall’inizio del 2017, raggiungendo il livello più basso in 10 anni nel terzo trimestre del 2018. Su base annuale, il ritmo di espansione è rallentato dal 6,9% nel 2017 al 6,6% nel 2018, e scenderà ulteriormente al 6,3% nel 2019. In risposta ai recenti shock economici – incluso l’impatto delle tariffe statunitensi, che finora è stato limitato – i responsabili delle politiche hanno scatenato una serie di misure monetarie e fiscali per contribuire a sostenere la crescita e stabilizzare i mercati finanziari.
Tuttavia, è probabile che queste misure rimangano modeste. La crescita del credito continuerà a essere frenata dall’enorme eccesso di debito e dall’impegno del governo a ridurre la leva finanziaria, almeno nel medio-lungo termine. D’altro canto, gli sforzi di stimolo del governo potrebbero diventare più aggressivi se le tensioni commerciali con gli Stati Uniti aumenteranno e la crescita sarà seriamente danneggiata.

5. La crescita dei mercati emergenti decelererà al 4,6% nel 2019
Alcune economie, tra cui Brasile, India e Russia, hanno registrato una lieve ripresa in crescita nel 2018, mentre altre, come Argentina, Sud Africa e Turchia, sono state sottoposte a forti pressioni finanziarie e hanno subito recessioni o quasi recessioni. In prospettiva, i mercati emergenti si trovano ad affrontare una serie di venti contrari, tra cui il rallentamento della crescita nelle economie avanzate e il ritmo del commercio mondiale; il forte dollaro USA; inasprimento delle condizioni finanziarie; e aumento dell’incertezza politica in paesi come Brasile e Messico. Alcuni paesi saranno in grado di arginare queste tendenze, in particolare le economie dinamiche con bassi livelli di indebitamento, in particolare in Asia.

6. I mercati delle materie prime potrebbero fare un altro giro sulle montagne russe
La crescita della domanda nel prossimo anno sembra ancora abbastanza forte da fornire supporto ai mercati delle materie prime, rendendo improbabile il tipo di crollo dei prezzi osservato nel corso del 2015. Tuttavia, la volatilità dei mercati delle materie prime continuerà nel 2019, in particolare nei mercati petroliferi. Prevediamo che i prezzi del petrolio aumenteranno un po’ nel breve periodo e in media intorno ai $ 70,0 al barile nel prossimo anno, rispetto a una media di $ 71,0 nel 2018. Detto questo, i rischi per i prezzi del petrolio e di altre materie prime sono prevalentemente al ribasso, dato rallentando la crescita della domanda e aumentando l’offerta. Nonostante la volatilità, prevediamo che entro la fine del 2019 i prezzi saranno leggermente diversi dalle loro attuali letture.

7. I tassi d’inflazione globali rimarranno vicini al 3,0%
La maggior parte dell’aumento dell’inflazione dei prezzi al consumo tra il 2015 e il 2018, dal 2,0% al 3,0%, è dovuta a una transizione nel mondo sviluppato da condizioni deflazionistiche, o quasi deflazionistiche, a tassi di inflazione prossimi agli obiettivi delle banche centrali di 2,0 %. Nel breve termine, prevediamo che l’inflazione globale e l’inflazione dell’economia sviluppata rimarranno prossime al 3,0% e al 2,0%, rispettivamente.
Mentre ci saranno pressioni al rialzo in molte economie, poiché i divari di produzione si chiudono e il tasso di disoccupazione diminuisce, in alcuni casi a minimi pluridecennali, vi sono anche pressioni al ribasso. Al di fuori degli Stati Uniti, la crescita si sta indebolendo. Inoltre, rispetto al 2018, i prezzi delle materie prime saranno relativamente piatti in media nel 2019. Infine, con la guerra commerciale in una “tregua temporanea”, la spinta al rialzo dagli aumenti tariffari sarà sospesa.

8. La Fed aumenterà i tassi e alcune altre banche centrali potrebbero seguire
Con le economie chiave del mondo in diversi punti del ciclo economico, non sorprende che le banche centrali si muovano a velocità diverse e in direzioni diverse. Tuttavia, data una crescita più debole e pressioni inflazionistiche attenuate, è probabile che il ritmo di rimozione degli alloggi sia ancora più modesto di quanto previsto in precedenza.
È probabile che la Federal Reserve statunitense aumenti i tassi tre volte nel 2019. Altre banche centrali, tra cui la Bank of England (a seconda del processo Brexit), la Bank of Canada e alcune banche centrali dei mercati emergenti, come quelle in Brasile, India e Russia – potrebbe anche aumentare i tassi.
La Banca centrale europea non aumenterà i tassi fino all’inizio del 2020. Analogamente, non crediamo che la Banca del Giappone finisca la sua politica dei tassi di interesse negativi fino al 2021. La Banca popolare cinese è l’unica grande banca centrale che si muove nella direzione opposta; preoccupato per la crescita, sta fornendo stimoli modesti.

9. Il dollaro USA rimarrà ai livelli elevati attuali per gran parte del 2019
La continua crescita al di sopra della tendenza degli Stati Uniti e ulteriori aumenti dei tassi da parte della Fed sono le ragioni principali di questa forza anticipata. Data la recente relativa calma nei mercati del forex, soprattutto rispetto alle valute dei mercati emergenti, un altro grande apprezzamento del dollaro USA sembra improbabile.
Tuttavia, il potenziale di volatilità rimane molto alto. L’incertezza politica in Europa potrebbe essere molto negativa per l’euro e la sterlina; ci aspettiamo che il tasso euro / dollaro finisca 2019 a circa $ 1,10, rispetto a $ 1,14 alla fine del 2018. Allo stesso tempo, prevediamo che il tasso di renminbi / dollari si mantenga abbastanza stabile appena sotto il livello psicologico di 7,0 – il risultato del desiderio del governo cinese per la stabilità finanziaria.

10. I rischi di shock politici sono aumentati, ma probabilmente non abbastanza da innescare una recessione
Gli errori politici rimangono le maggiori minacce alla crescita globale nel 2019 e oltre. I conflitti commerciali latenti sono pericolosi, non perché hanno fatto danni finora – non l’hanno fatto – ma perché potrebbero facilmente degenerare e andare fuori controllo. Inoltre, l’aumento del disavanzo di bilancio negli Stati Uniti, l’elevato livello di indebitamento negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone e i potenziali passi falsi delle principali banche centrali rappresentano tutti una minaccia per l’economia globale.
La buona notizia è che la probabilità che tali errori di politica abbiano seriamente danneggiato la crescita globale nel 2019 è ancora relativamente bassa. Tuttavia, IHS Markit ritiene che i rischi di danni derivanti da errori politici aumenteranno nel 2020 e oltre, con il rallentamento della crescita.


 
 
 
 
 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: il problema è l’infezione, non l’inflazione

Investimenti, dagli emergenti più fiducia in un boom economico globale

Investimenti, nuovo sprint in vista per l’S&P 500

NEWSLETTER
Iscriviti
X