Temi per il 2019: liquidità, populismo e il riscatto degli emergenti

A
A
A
di Finanza Operativa 22 Gennaio 2019 | 10:00

A cura di Keith Wade, Chief Economist and Strategist, Schroders

Si è appena concluso un anno ricco di sfide per gli investitori, con l’avvio delle trade war, la ‘mini crisi’ del debito italiano in Europa e diversi Mercati Emergenti colpiti dalla stretta di liquidità sul dollaro e da rischi politici.

Le preoccupazioni sulla crescita e la stretta di liquidità hanno pesato su mercati nel 2018 e sembrano destinate a proseguire nel 2019. Ecco nel dettaglio tre temi chiave che influenzeranno i mercati quest’anno.

La liquidità diminuisce mettendo sotto pressione chi è troppo indebitato

Guardando avanti, è probabile che la liquidità globale si riduca ulteriormente, con la conclusione del programma di acquisto di asset della Bce che si affianca al quantitative tightening della Fed. Questi sviluppi implicano che la Bank of Japan sarà l’unica banca centrale a portare avanti attivamente il quantitative easing nel 2019. Le iniziative della People’s Bank of China e della Swiss National Bank sui mercati valutari potrebbero continuare, ma nel complesso il livello di liquidità è destinato a ridursi nel 2019.

La fine del programma di acquisto di asset della Bce sarà un test per i mercati obbligazionari, dato che l’Eurotower ha avuto un forte impatto sui mercati nei quali è stata di gran lunga il maggior acquirente. Ci aspettiamo una pressione al rialzo sui rendimenti; tuttavia, l’impatto potrebbe essere sentito maggiormente dagli emittenti esterni alla regione, che hanno beneficiato del QE perché gli investitori si sono spostati al di fuori dei mercati europei principali. Si tratta dei Paesi periferici dell’Eurozona, alcuni Mercati Emergenti e il credito corporate di qualità inferiore. Le aree più rischiose tendono infatti a soffrire la stretta di liquidità, come si è visto nei Mercati Emergenti nel 2018. Come commentato da Warren Buffet: “È solo quando la marea si abbassa che si scopre chi stava nuotando nudo”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: l’outlook di Schroders sui Paesi emergenti

Asset allocation: la volatilità cinese non deve far ignorare gli altri emergenti

A ITForum investimenti tematici e valute emergenti sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X