Hedge – Asia, alternativa vincente

A
A
A
di Giacomo Berdini 15 Luglio 2009 | 07:50
Il fondo speculativo Asia Fund I di Kairos ha attutito il crollo azionario riuscendo ad emergere dalle macerie della crisi.

Nel panorama dei mercati emergenti analizziamo il fondo speculativo Asia Fund I di Kairos, gruppo italiano indipendente che ha aperto la “via alternativa” al risparmio gestito.

Kairos è una delle poche SGR indipendenti su un mercato dominato dal settore bancario, e in passato ha effettuato scelte di management pionieristiche nel settore degli strumenti alternativi. In Italia è stata la prima ad avere ricevuto l’autorizzazione da parte di Banca d’Italia a gestire fondi di fondi ed hedge fund. L’indipendenza è alla base del successo della società, e certamente ne ha aumentato l’attrattiva. Oggi Kairos è all’avanguardia italiana delle strategie speculative nei mercati emergenti.

Nel panorama della crisi finanziaria, una strategia di investimento accurata le ha permesso di restare a galla in un settore comunque ricco di controversie.

In particolare l’Asia fund I, con un patrimonio di 35 milioni di euro, sta ottenendo una performance positiva se vista nel lungo periodo, forse proprio in merito alla comprovata flessibilità di mercati come quello cinese. In Oriente la crisi è arrivata in ritardo, con gli strascichi del crollo occidentale, e l’economia cinese ha meglio assorbito il colpo a causa della sua diversa morfologia politica e le repentine contromisure protettive.

L’Asia fund I infatti non ha mai raggiunto il picco più negativo del benchmark presente nel grafico, mostrando come una strategia speculativa possa anche rivelarsi utile “panacea” da pesanti perdite. A partire da fine marzo il trend positivo degli hedge non poteva non influenzare l’andamento del fondo, che ha manifestato subito una rapida spinta alla ripresa, sino a portare il fondo appena sopra le condizioni iniziali.

Se non si può certo giudicare totalmente positivo il trend dell’Asia fund I, possiamo comunque affermare che, con una variazione in negativo dell’1,65% alla fine della crisi, l’hedge mostra come i fondi d’investimento alternativi nel mercato asiatico abbiano attutito il crollo azionario che ha messo in crisi l’occidente, e come l’investimento indipendente sciolto dai vincoli bancari sia in grado di mantenersi più flessibile di fronte alla volatilità negativa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: accordo tra Ue e Gran Bretagna può far rimbalzare la sterlina

Creval in rialzo a Piazza Affari, assemblea per rinnovo Cda si avvicina

Risparmio gestito: fondi hedge italiani non sono così speculativi

NEWSLETTER
Iscriviti
X