Brusco calo del commercio mondiale

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 28 Febbraio 2019 | 14:30

Il commercio mondiale sta rallentando vistosamente

Nell’ultimo trimestre del 2018, rispetto all’ultimo trimestre del 2017, il commercio è aumentato solo dell’1,5%, rispetto al 3,9% di ottobre. L’aggiustamento non è finito se guardiamo all’indicatore Markit relativo agli ordini delle esportazioni negli Stati Uniti, in Giappone e nell’Eurozona.

L’Asia è la regione che contribuisce maggiormente al rallentamento del commercio mondiale

Il suo contributo trimestrale alla crescita globale delle importazioni è stato pari a +4,8% in settembre ed è sceso a -5,3% in dicembre. “Questo persistente shock sul commercio – afferma Philippe Waechter, Chief Economist di Ostrum Asset Management (Natixis IM) –  è il risultato delle scelte fatte alla Casa Bianca. La brutalità del movimento spiega il cambiamento dell’outlook rispetto all’estate scorsa, ma anche la nuova visione della Fed sulla sua politica monetaria”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Svizzera, occupazione in calo dell’1,6% nel secondo trimestre

Svizzera, export ancora in calo

Svizzera, Pil in calo dello 0,2%

NEWSLETTER
Iscriviti
X