Focus obbligazioni: Kedrion, un ribasso non più giustificato

A
A
A
di Max Malandra 15 Marzo 2019 | 10:00

Nel mese di luglio 2017 Kedrion ha emesso un bond per un ammontare complessivo di 350 milioni di euro, taglio minimo 100mila euro. La scadenza è fissata al 12 luglio 2022, il tasso è fisso (3%) e attualmente l’obbligazione passa di mano a 88-89 dopo essere scesa fino a 62 in novembre.La società è attiva nella produzione di terapeutici plasmaderivati e il 75% fa capo alla famiglia Marcucci attraverso la loro holding, mentre il 25% è in mano a CDP che aveva valutato la società 550 mln circa.

“Non è escluso che il repentino calo delle quotazioni dei bond possa essere stato determinato da vendite da parte di un investitore Usa allarmato dalla chiusura per due anni (2016-2018) di un impianto negli Stati Uniti e dal fatto che, pur con lavori sugli impianti terminati, non fosse ancora giunto il via libera da parte della Fda – spiegano da Cfo Sim – Il mercato Usa vale il 20% del fatturato e nel frattempo Kedrion ha continuato a commercializzare i prodotti per non perdere quote di mercato, rivolgendosi a un concorrente locale per fornire di plasmaderivati il mercato, con un conseguente impatto negativo sui margini”.

In Italia vi è il 30-40% del business corrente di Kedrion, a partire dal 2016 è venuto meno il monopolio della società con l’ingresso di altri operatori comunitari e alle prossime aste, Kedrion potrebbe presentarsi in Associazione Temporanea di Impresa con altre aziende del settore, in modo da completare il portafoglio prodotti ed essere completa e competitiva nei confronti degli altri operatori.

I tre principali competitors mondiali (Grifols, CSM e Takeda) hanno il 75% delle quote di mercato e trattano 14/15 volte l’ebitda, mentre il quarto è tedesco, Optopharma, ma non è quotato. Secondo Cfo Sim il gruppo dovrebbe chiudere il 2018 con quasi 700 milioni di ricavi, quasi 150 di ebitda e circa 12 di utile netto. E una posizione finanziaria negativa per poco più di 500 milioni. “Un bond da 58 milioni è in scadenza ad aprile verrà con alta probabilità sostituito da cassa e linee di credito non interamente utilizzate al momento: allo stato attuale, non sembrano sussistere circostanze per cui la società non sarà in grado di pagare il bond” concludono da Cfo Sim.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Waystone regina dei bond

Mercati, bond: tutte le nuove emissioni all’insegna del green

Fineco, un bond che va a ruba

NEWSLETTER
Iscriviti
X