L’alluminio torna sugli scudi. Le ragioni del recupero e gli Etc a Piazza Affari

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 20 Marzo 2019 | 15:00

La riduzione della tassa sul valore aggiunto (simile alla nostra Iva per intenderci) che sarà effettiva in Cina a partire dal primo di aprile ridurrà i costi per il settore manifatturiero locale, con una riduzione del 3% dell’aliquota principale che avrà un impatto forte sul settore dell’alluminio. L’avvertimento arriva dagli analisti di Wings Partners Sim che spiegano: “Secondo le prime stime ci sarà un vantaggio per le importazioni di rottami, andando ad incrementare la raffinazione che potrebbe poi tornare ad incentivare le vendite all’estero, in caso il mercato interno resti in una situazione di eccedenza. L’effetto sui prezzi dell’alluminio nel medio termine potrebbe dunque essere negativo, se tale taglio della tassazione non dovesse produrre un incremento diretto dei consumi in Cina”.

“A dare supporto alle quotazioni poi c’è stato l’attacco hacker ad Hydro e la morte di due operari nella raffineria di allumina di Vedanta, che potrebbero avere un impatto negativo sull’output di alluminio“. E al London Metal Exchange il future sta già sfiorando quota 1.950 dollari per tonnellata.

Gli Etc sull’alluminio a Piazza Affari

Al rialzo, sull’alluminio a Piazza Affari sono disponibili i seguenti Etc: l’Etfs Aluminium, l’Etfs Eur Daily Hedged Aluminium e l’Etfs Daily Leveraged Aluminium. Al ribasso è invece disponibile l’Etc Short: Etfs 1x Daily Short Aluminium.       G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Rame e alluminio in ascesa: il piano quinquennale in Cina punta sulle auto elettriche

Palatiello (Wings Partners Sim): “Metalli non ferrosi sostenuti dal recupero cinese”

Oro frenato dallo stallo Usa sui nuovi stimoli

NEWSLETTER
Iscriviti
X