Fomc più accomodante delle attese

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 21 Marzo 2019 | 10:00

Alle 19 di ieri sera, in anticipo grazie all’ora legale negli Usa, è stato diffuso dalla Fed lo statement con la Dot Plot e le Projections.

Il mercato temeva qualche residua velleità di rialzo da parte del Fomc nell’anno in corso? Può dormire sonni tranquilli

“La Fed – ha affermato Giuseppe Sersale, Strategist di Anthilia Capital Partners Sgr – ha riconosciuto che l’economia a stelle e strisce sta rallentando, e nelle projections ha abbassato di 50 bps il livello di arrivo dei Fed Funds a fine 2019, cancellando di fatto i rialzi previsti per quest’anno”.

Di tutto il percorso di rialzi ancora indicato a dicembre è rimasto solo un sigolo rialzo l’anno prossimo (fed funds finale 2020 a 2.625%), mentre il tasso neutrale di lungo periodo è stato lasciato invariato al 2.75. Inoltre, è stato annunciato che la riduzione del bilancio Fed terminerà a settembre (almeno un trimestre prima delle attese) e che la riduzione del ritmo prenderà inizio a maggio.

“In sintesi – sottolinea Sersale – un risultato decisamente più accomodante delle attese, proprio quando gli investitori dubitavano che Powell potesse rivelarsi più dovish di quanto già scontato dal mercato”.

La reazione è stata coerente:

  • I tassi sono collassati sulla curva USA (6/7 bps su tutte le scadenze)
  • Il dollaro ha perso vistosamente terreno contro tutti i cross (oltre 1.14 vs euro)
  • L’azionario ha mostrato sollievo, con Wall Street tornata in positivo e il future su MSCI emerging a guidare il movimento.
  • Oro e commodities hanno accentuato i guadagni.

Queste le reazioni a caldo. È possibile che, a freddo il mercato inizi a interrogarsi su cosa rende la fed cosi eccezionalmente prudente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Fed più aggressiva delle stime: vola il dollaro non i tassi

Borse in stand by in attesa del Fomc

I mercati non battono ciglio di fronte all’inflazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X