Credit Suisse vuole prestare sempre di più ai clienti facoltosi

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi2 marzo 2017 | 12:37

CREDIT SUISSE PRESTA SOLDI AI CLIENTI FACOLTOSI – Credit Suisse prevede che l’offerta di finanziamenti agli individui più benestanti al mondo aiuterà il gruppo a rendere profittevole la sua scommessa sui servizi di wealth management. Secondo quanto ha rivelato il Chief financial officer (Cfo, direttore finanziario) David Mathers, circa un terzo dei 30,2 miliardi di franchi svizzeri di afflussi patrimoniali netti registrati lo scorso anno dalle divisioni International Wealth Management e Asia Pacific sono legati ai servizi di finanziamento e la percentuale potrebbe salire in futuro.

PRESTITI FAVORISCONO CRESCITA PRIVATE BANKING – In un’intervista a Reuters Mathers ha spiegato che sviluppandosi l’offerta di wealth management di Credit Suisse fuori dalla Svizzera, “certamente riteniamo che l’attività di prestito sia una componente core della nostra offerta” e pertanto il manager si attende “che cresca” ulteriormente. Sotto la guida del Ceo Tidjane Thiam, Credit Suisse ha intrapreso una riconversione strategica da un modello di business bancario “classico” verso uno incentrato sul wealth management, mettendo meno enfasi sull’investment banking.

PIU’ FINANZIAMENTI OGGI, PIU’ UTILI DOMANI – Offrire finanziamenti può rivelarsi un circolo virtuoso perché i clienti facoltosi tendono a reinvestire il denaro ottenuto in prestito in attività di private banking che così possono contare su questa nuova fonte di finanziamento. Una raccolta netta positive è dunque un importante predittore di future utili per il private banking stesso, l’importante è riuscire a mantenere su livelli minimi il tasso di perdite sui prestiti e per questo, ha sottolineato Mathers, la banca svizzera sta assumendo personale nelle posizioni di supervisione, così da tenere sotto controllo la qualità del credito erogato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi Coronavirus, le banche sono più pronte di quanto il mercato creda

Polizze, Antitrust sanziona le principali banche italiane

Bancari, ecco gli aumenti in arrivo

Reclutare i consulenti giusti, un corso a Roma

Banche, i nuovi stress test all’ombra del Coronavirus

Contratto bancari, missione compiuta

Il futuro di Sergio Ermotti non sarà in banca

Banche, la desertificazione delle filiali

Bnl Bnp Paribas LB: 6 nuovi consulenti per la rete

Mediolanum, i consulenti verso un percorso esaltante

Mediolanum, il ruolo sociale del banker

Credem, virata fintech per lo sconto dinamico

Hsbc si prepara a tagliare 35.000 posti di lavoro

Mediolanum: il 2020 inizia col botto, in attesa dei Pir

Truffe bancarie, rimborsi anticipati

La vecchia banca perde valore

Mediolanum: i consigli al cf per spiegare i multipli ai clienti

Banche, ecco le pagelle della Bce

Fineco racconta la sua Mifid 2

Allianz Bank FA, i “top level” di Neuberger per i clienti

Doris e Nagel, sposi perfetti

Banche, il rendimento è sempre più giù

Mediolanum chiude il 2019 in bellezza: super raccolta e bonus per i fb

Reti Champions League: Mossa-Rebecchi, la finale degli invincibili

Banche, Fabi propone patto occupazione

Fineco, 3 scelte di cui essere fieri

Stangata sul Monte Paschi

Banche, una leva da far paura

Banche, gli utili d’oro non fermano i tagli

Banca Generali, nuova offerta Etica per i consulenti

Banche, incubo margini

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Unicredit, 1 miliardo per la sostenibilità

Ti può anche interessare

Rendiconti Mifid 2, l’attacco del fee only

Ha generato non poche polemiche il recente punto di vista sui casi di truffe da parte di consulenti ...

Amundi lancia due importanti iniziative green & sustainable development

Amundi, il più grande asset manager in Europa, sostiene pienamente le ambizioni del Gruppo di lavor ...

Crisi di governo, ecco come difendere i risparmi

Liquidità, Btp o azioni? Non è facile la vita di chi vuole investire i risparmi tra guerre commerc ...