Impact investing, ecco i numeri del fenomeno

A
A
A
di Max Malandra 29 Marzo 2019 | 13:30

Secondo una nuova ricerca a cura di NN Investment Partners, una percentuale sorprendentemente elevata di società quotate in borsa sta avendo un impatto positivo a livello mondiale, come definito dagli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG). Il 19% delle aziende intervistate, infatti, soddisfa i criteri delle imprese “positive impact”. Nell’ambito di questo universo, i ricercatori hanno scoperto che oltre il 60% delle società fornisce accesso a soluzioni sanitarie (45%) o contribuisce alla transizione a basse emissioni di carbonio e all’economia circolare (18%). Nel complesso, i risultati indicano una distribuzione 20-60-20 di imprese con impatto positivo, neutrale e negativo.

 

I risultati

L’analisi mostra che le aziende che perseguono un impatto sociale o ambientale positivo sovraperformano l’universo complessivo delle società quotate in borsa, offrendo tassi di crescita più elevati, rendimenti di qualità superiore e un costo del capitale inferiore. Nel dettaglio, le aziende con un impatto positivo hanno:

  1. una crescita media del 12% delle vendite a cinque anni, contro il 7% per le aziende ad impatto neutro/negativo;
  2. un costo medio quinquennale del capitale del 5% contro il 6% per le società “non impact”;
  3. se si escludono le società con un market cap inferiore a 1 miliardo di dollari, le società con impatto positivo forniscono il 7,3% in più del costo del capitale, contro il 4,9% per i titoli “non impact”.

 

Impatto positivo = più innovazione

I risultati sottolineano la nostra convinzione che i ritorni finanziari e sociali possano andare di pari passo. La nostra ricerca sfata luoghi comuni secondo cui l’impact investing sia una spesa o conduca a peggiori performance a livello di rischio/rendimento. In realtà è piuttosto intuitivo che le aziende con impatto positivo abbiano tassi di crescita più elevati. Queste infatti tendono ad essere più innovative e a beneficiare dei fattori di supporto offerti dai SDG, e di solito non sono coinvolte in settori in declino. Questi attributi rendono inoltre le aziende più resistenti e meno cicliche, il che spiega i minori costi di capitale per le aziende con un impatto positivo.

L’investimento a impatto è un settore relativamente giovane. I dati sono limitati e le prove empiriche raccolte sono scarse. Con l’aumento della diffusione del reporting sull’impatto, i dati disponibili aumenteranno e miglioreranno. In questo modo sarà più facile tracciare l’impatto in modo più tangibile, rendendo i SDG più investibili e contribuendo così raggiungerli concretamente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Big Data interessanti per l’impact investing. Quattro case history

Impact investing, come selezionare le aziende con un reale impatto positivo?

Impact Investing, la via d’uscita dalla crisi

NEWSLETTER
Iscriviti
X