Elezioni in Ucraina, Zelensky al 30% è una buona notizia per i mercati

A
A
A
di Max Malandra 2 Aprile 2019 | 15:00

A cura di Jacob Grapengiesser, Partner, Head of Eastern Europe di East Capital

I risultati preliminari delle elezioni presidenziali in Ucraina di questa domenica sono in linea con gli exit-poll preelettorali. Dopo lo spoglio del 53,3% dei voti, l’esordiente sulla scena politica Volodymyr Zelensky è in testa con il 30,2%, seguito dall’attuale Presidente Poroshenko con il 16,6% e l’ex Primo ministro Yulia Timoshenko con il 13,1%. L’affluenza ha raggiunto il 63,5%, superando il 60,3% delle precedenti elezioni presidenziali nel 2014, il che significa che i giovani sono andati a votare. L’esito di Volodymyr Zelensky al primo turno denota la richiesta di un nuovo inizio da parte del Paese. Dato il margine di vittoria più ampio del previsto su Poroshenko, lo scenario di base in cui il comico potrebbe avere la meglio nel ballottaggio tra tre settimane si è ora alquanto rafforzato.

L’Ucraina ha un assetto politico semi-presidenziale e nei prossimi mesi l’attenzione dovrebbe passare alle elezioni parlamentari previste per ottobre. In caso di elezione in data 21 aprile, la capacità di Zelensky di trovare un riscontro in parlamento e formare alleanze con le altre parti sarà fondamentale per determinare la sua efficacia al governo.

La stampa riferisce che, nonostante irregolarità minori, il voto si è concluso in modo ordinato, non provocando grandi turbolenze durante il conteggio dei voti: i risultati provvisori dal 100% dei distretti potrebbero arrivare entro la fine della giornata.

È probabile che la notizia sarà accolta positivamente in quanto il mercato sta scontando la possibilità che la Tymoshenko entri al secondo turno. Volodymyr Zelensky è visto da molti come il candidato più costruttivo nei confronti della Russia, dato che ha più volte espresso il desiderio di sedere al tavolo dei negoziati con Putin. Riteniamo che il conflitto in corso da lungo tempo tra Ucraina e Russia debba essere risolto, anche se potrebbe non essere facile.

Accogliamo con favore il risultato in quanto Paesi come l’Ucraina necessitano di un cambiamento nella leadership politica per ridurre la corruzione e attuare riforme che portino alla crescita economica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati di frontiera, le prospettive nell’era del coronavirus

Le economie dell’Est Europa restistono al coronavirus

Coronavirus, la resilienza delle A-Share in Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X