Eurozona, crescono i timori di rischi al ribasso per la crescita

A
A
A
di Max Malandra 3 Aprile 2019 | 12:30

I sondaggi relativi al mese di marzo evidenziano una debole attività economica alla fine del primo trimestre, con un calo persistente nel settore manifatturiero solo parzialmente compensato dalla stabilizzazione dei servizi. “Per l’intero anno in corso ci aspettiamo una crescita del PIL inferiore all’1% e gli ultimi dati di marzo sono in linea con questo dato – commenta Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud Am – Più in particolare, i PMI flash suggeriscono che non è stato raggiunto il minimo nell’attività manifatturiera, con la Germania che mostra una particolare debolezza”.

Infatti, l’attività industriale tedesca è ulteriormente scivolata in territorio negativo: si prevede un’ulteriore contrazione della produzione, con una lettura dei PMI di soli 45,0 (-2,9 punti). Ancor più negativi sono i dati sui nuovi ordinativi (-2,4 punti a 40,1) e i nuovi ordini per l’export (-2,7 punti a 39,5).

“Quest’ultima è la lettura più debole dal 2012 – interviene l’esperto di Mirabaud – Un’ulteriore sorpresa negativa è stata la lettura dei dati PMI in Francia, dove il PMI compositi è diminuito di 1,7 punti a 48,7, con il settore manifatturiero e dei servizi in contrazione. Oltre all’Italia, Francia e Germania sono le due maggiori economie europee che difficilmente potranno dare un impulso positivo alla crescita”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X