Il Portafoglio Italia segna +28,54% da inizio anno

A
A
A
di Max Malandra 16 Aprile 2019 | 09:30

Prosegue senza sosta (per ora) la fase rialzista dei nostri Portafogli Italia 2019, costruiti con le metodologie di Michael O’Higgins. Con risultati che superano il +28% da inizio anno. Nel dettaglio, da inizio anno, il paniere dei “10 dogs” segna un +28,54%, quello dei “5 dogs” +24,13%, mentre l’ultimo, il Portafoglio PPP (costituito da un solo titolo, che quest’anno è Unipolsai) segna ora con un +22,63%. Tutti e tre battono quindi ampiamente il benchmark, cioè il Ftse Mib, che risulta in rialzo ora di un +19,47 per cento. Azimut (+72,96%) è il best performer del portafoglio, seguito da Banca Generali (+32,82%) e da Poste (+29,87%). I titoli continuano per il momento a risentire del momentum positivo delle Borse.

Intanto, con l’unica eccezione di Mediobanca (che però chiude il bilancio a giugno e approva il dividendo nell’Assemblea del 28 ottobre), tutte le società del Portafoglio Italia hanno già comunicato i dati del 2018 e soprattutto indicato quale sarà il dividendo che sarà staccato tra qualche mese. La tabella qui sopra riporta date e importi mentre la prima colonna indica quale era stata la cedola lo scorso anno.

Questo ci permette di fare un rapido conto del rendimento dei dividendi sul portafoglio. Ebbene, guardando all’importo investito inizialmente (la simulazione era di 100.000 euro, 10.000 euro su ognuno dei 10 titoli) il dividend yield è del 7,31% mentre, a seguito dei forti rialzi accumulati finora dai titoli, il rendimento rispetto al valore attuale del portafoglio è del 5,8 per cento.

I 10 titoli del Portafoglio Italia 2019 – in ordine crescente di prezzo – sono: Intesa Sanpaolo, Unipolsai Unipol, Snam, Poste Italiane, Mediobanca, AzimutEni, Generali e Banca Generali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: ecco come gestire le attuali sfide sui mercati USA

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Anima Holding a Stellantis

Mercati: i costi dimenticati della Silicon Valley

NEWSLETTER
Iscriviti
X