Quadrans, la nuova blockchain open source aperta a tutti, è operativa da oggi

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 18 Aprile 2019 | 16:45

La Fondazione Quadrans (www.quandrans.io), nata nel 2018 e basata a Mendrisio (CH), ha avviato ufficialmente le operazioni. Come annunciato nello scorso marzo, da aprile 2019 sono partite ufficialmente le attività sull’omonima piattaforma blockchain Quadrans. Oggi l’infrastruttura Quadrans conta già 168 nodi attivi; le attività in tempo reale possono essere visualizzate presso questa pagina web http://status.quadrans.io/.

La piattaforma Quadrans è una blockchain open source, pubblica e decentralizzata, su cui è possibile eseguire operazioni anche grazie a smart-contract. Quadrans permette di integrare e condividere dati di natura eterogenea e in sinergia con qualsiasi soggetto pubblico o privato.  L’infrastruttura di Quadrans è aperta a chiunque desideri integrare flussi di dati e operatività su blockchain a ogni livello ed è gestita dalla Fondazione Quadrans che raggruppa al suo interno influenti personalità legate al mondo accademico ed economico, le quali hanno unito le loro competenze con lo scopo di condurre attività di ricerca e sviluppo, promozione, educazione e supporto della tecnologia blockchain.

Tra queste personalità vi sono: Azizi Meor Ngah, advisor del governo malese con profonda conoscenza del mondo food, Albert Tan professore universitario al MIT di Boston con profonda conoscenza dei temi legati alla supply-chain, Andrea Cruciani, co-fondatore e Ceo di Agricolus, Licia Garotti, Marco Galli, Valentina Lattanzi e Emanuela Campari Bernacchi dello studio legale Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners; Roberto Sabatini general manager di Caricom Africa e Caricom Ethiopia Manufacturing, Daniele Tumietto, esperto in norme nazionali, europee e internazionali e membro di gruppi tecnici su Blockchain e DLT presso UNECE – Commissione Economica per l’Europa delle Nazioni Unite, Emil Abirascid giornalista e fondatore di Startupbusiness, Gian Luca Comandini co-fondatore di Assobit ed editore di Cointelegraph e uno degli esperti blockchain al tavolo del MISE, Laura Cappello, avvocato ed esperta di blockchain nonché presidente di Blockchain Core e direttore scientifico della Blockchain management school di Ateneo Impresa.

 Un team di esperti che continuerà a crescere per contribuire in modo attivo allo sviluppo della Fondazione Quadrans, apportando valore, conoscenza ed esperienza, come hanno già fatto per esempio dall’Università di Trento che, insieme a realtà produttive come Italtel, ha installato un nodo ed è entrato attivamente a far parte della blockchain Quadrans.

“Siamo oggi pienamente operativi – afferma Marco Vitaleco-fondatore della Fondazione Quadrans – e siamo felicissimi di potere annunciare i nomi dei primi membri della nostra Fondazione, nonché di avere ricevuto attenzione da parte dei media di tutto il mondo, in particolare da The Asian Post. Questa importante testa giornalistica sta prestando attenzione alla tecnologia Quadrans, ravvisando l’importanza strategica di questa tecnologia per mondo produttivo e istituzionale asiatico che, insieme a quello europeo, sta studiando i risvolti operativi e pratici per l’uso di Quadrans, anche se oggi i nostri nodi sono sparsi operativamente su tutto il globo”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, il Bitcoin torna a volare in scia alla Sec

Digital yuan ed e-Krona: le rivoluzioni valutarie di Cina e Svezia

PayPal pronto ad abilitare la compravendita e lo shopping crypto

NEWSLETTER
Iscriviti
X