Usa, il Pil del Q1 oltre le attese. Prossima settimana la riunione della Fed

A
A
A
di Max Malandra 26 Aprile 2019 | 15:30

L’economia statunitense è cresciuta del 3,2% annualizzato nel primo trimestre del 2019, in accelerazione rispetto al +2,2% del trimestre precedente. Il dato è risultato ben sopra il consenso (2,3% per Bloomberg) e le stime della Fed di Atlanta (+2,7%).

“All’accelerazione della crescita hanno contribuito, in particolare, la spesa governativa locale e le scorte, mentre c’è stato un rallentamento dei consumi personali e degli investimenti fissi non residenziali – commenta Vincenzo Longo, market strategist di IG – Positivo anche l’apporto della bilancia commerciale, che ha visto un’accelerazione dell’export e un contestuale calo dell’import. Analizzando nel dettaglio il dato, la crescita sembra essere meno entusiasmante di quanto appare a primo sguardo”.

Da un lato il balzo delle scorte potrebbe essere indice di un rallentamento dei consumi e potrebbe condizionare la produzione industriale dei prossimi mesi. Inoltre, la bilancia commerciale ha avuto un contributo positivo grazie all’accelerazione dell’export e al calo dell’import, fattore quest’ultimo che alimenta qualche dubbio.

“Certo è da apprezzare l’aumento della produttività in un contesto di bassa inflazione, un mix perfetto questo per la crescita economica – continua Longo – Nel complesso, quindi, i dati sono solidi, ma la portata sorprendete rispetto alle attese andrebbe un po’ ridimensionata. Stupisce comunque vedere un +3,2% di crescita nel primo trimestre dell’anno, nonostante i fattori stagionali (condizioni meteo) e straordinari (shutdown) che si sono susseguiti”.

Questi numeri faranno riflettere molto gli operatori della Federal Reserve nella riunione di politica monetaria della prossima settimana. Sebbene Powell continuerà a proclamare prudenza, se i dati continuano con questo tenore rimane aperta la possibilità di un rialzo dei tassi nell’ultima parte dell’anno.

“Il mercato ha apprezzato comunque le cifre, con i future sugli indici Usa che hanno accelerato al rialzo dopo la pubblicazione del dato – conclude Longo – Il dollaro si è rafforzato inizialmente salvo poi invertire la rotta verso le principali valute mondiali, complice anche il calo dei rendimenti sul Tnote scesi verso il 2,50%”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, IG integra una sere di big cap nella propria gamma “Turbo”

Mercati: riflettori su inflazione e Jackson Hole

Asset allocation: le aspettative per il secondo semestre

NEWSLETTER
Iscriviti
X