La Fed resta paziente. Usa e Cina vicini all’accordo?

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 2 Maggio 2019 | 13:00

I toni usati da Powell, nella conferenza stampa di ieri a seguito della riunione della Fed, sono stati interpretati in maniera “restrittiva” dai mercati, portando l’indice azionario S&P500 a chiudere la seduta cedendo tre quarti di punto percentuale, mentre il dollaro si è rafforzato portando il cambio con l’euro sotto quota 1,12.

Il Presidente della Banca Centrale ha respinto le pressioni politiche che richiedevano toni più accomodanti

Per dare un ulteriore stimolo all’economia e aiutare il mantenimento di un ritmo di crescita elevato (attualmente al 3,2%). Powell ha evidenziato come, attualmente, non sia vista la necessità di agire (né al rialzo né al ribasso) sul costo del denaro, nonostante l’allontanamento dell’inflazione dal target del 2%; i fattori responsabili dell’allontanamento dagli obiettivi sono ritenuti come transitori, portando ad una conferma delle politiche monetarie in essere e all’approccio “paziente”, nei prossimi mesi che esclude un’azione imminente. Le probabilità di una riduzione degli interessi di riferimento americani sono scese dal 61% di ieri alle attuali del 48%.

Nel frattempo, Donald Trump è tornato a manifestare un malcontento nelle lungaggini per arrivare ad una chiusura del trattato con la Cina, tuttavia secondo fonti vicine al Governo di Washington ci sarà un nuovo incontro a Pechino, che potrebbe portare ad una soluzione definitiva già entro questa settimana. “In questo caso – avvertono gli analisti di Wings Partners Sim – ci sarebbe una rimozione immediata dei dazi al 10% attualmente imposti su 200 miliardi di dollari di prodotti cinesi, mentre verrebbero mantenuti intatti quelli al 25% su un gruppo più ristretto di prodotti ($50 miliardi) fino a novembre 2020″.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azioni svizzere, torna l’equivalenza borsistica in UK. Accordi in vista tra le due Piazze finanziarie?

Saipem allunga il passo a Piazza Affari. I prossimi target tecnici

Vola il Ftse 100 dopo l’accordo sulla Brexit

NEWSLETTER
Iscriviti
X