Venezuela, la chiave della ripresa potrebbe essere il coltan

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 8 Maggio 2019 | 13:30

La lotta di potere in Venezuela si acuisce sempre di più e le pressioni di Stati esteri (con Stati Uniti e Russia in testa) non favoriscono certo il clima. Tra i motivi per i quali questo Stato suscita tanto interesse nel mondo, il fattore economico non è di certo da sottovalutare.

Il Paese sudamericano infatti è ricco di materie prime che non si limitano al petrolio. Tra queste, come riportato in un articolo sul sito web della Rsi, vi è il coltan, il cosiddetto “oro blu“. Si tratta di una miscela di minerali dalla quale si estrae il tantalio, materiale raro indispensabile per la costruzione di telefoni cellulari, computer, ma è pure necessario nei sistemi di difesa militare ed utilizzato anche nell‘industria automobilistica elettrica.

Elementi, questi, che portano a fare previsioni di un aumento esponenziale della domanda per i prossimi anni potendo contare non solo sulle risorse africane di coltan, fino a poco tempo fa paese leader, ma anche su quelle venezuelane custodite nella più grande miniera del sud America che inserisce questo Stato tra i primi produttori mondiali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X