SIAT QuanTech 2019, appuntamento il 16 maggio

A
A
A
Avatar di Daniele Tortoriello 14 Maggio 2019 | 08:30

Appuntamento il 16 maggio 2019 a Milano, presso il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, per il SIAT QuanTech 2019.

L’evento organizzato da SIAT durerà l’intera giornata, durante la quale si  susseguiranno numerosi incontri e dibattiti  di approfondimento di tematiche riguardanti il mondo dei mercati finanziari.

Il programma prevede:


10:00-10:20 – Cosa significa veramente “Innovazione” nell’Asset Management? Risultati della survey

ALESSANDRA CERIANI • Senior Partner, Leader of Investment Management sector @ Deloitte Consulting

MARCO MIONE • Senior FinTech Specialist @ Deloitte Consulting e Vice Presidente @ SIAT

Quali elementi innovativi nel settore Investment Management sono considerati opportunità? Quali minacce?
L’intervento si pone l’obiettivo di presentare le principali risultanze emerse dalla survey finalizzata a rilevare lo stato dell’innovazione nel suddetto settore, approfondendone i principali vantaggi e svantaggi.


10:20-10:40 – A Dual Momentum Strategy con la Coppock Guide

STEFANO BINI • Responsabile del servizio di analisi @ Market Risk Management

In questa presentazione verrà descritta la costruzione di un modello di allocazione basato sull’utilizzo di un unico strumento: la Coppock Guide. Questo indicatore di Momentum verrà applicato ad un paniere di Etf rappresentativo delle principali asset class.


10:40-11:00 – Indici ESG, SRI o tradizionali? Quali le implicazioni derivanti dallo screening

ALESSANDRO BONARDI • Passive & ETF Specialist Sales Italy @ UBS

L’applicazione di filtri ESG all’interno del processo di asset allocation rappresenta una nuova frontiera nel fare investimenti. Tali selezioni hanno diversi effetti a livello di allocazione. Quanto incidono inoltre i filtri se parliamo di light screening o di criteri molto più restrittivi?


11:00-11:20 – Azionario quantitativo: cogliere l’opportunità nei mercati emergenti

MICHAEL MCELROY • Investment Director @ Wellington Management

Wellington Management ha utilizzato modelli globali “multi-factor” per gestire portafogli azionari quantitativi da oltre 25 anni e ha applicato tecniche quantitative ai mercati emergenti per un decennio. In questa presentazione, si discute l’approccio quantitativo utilizzato per investire nei mercati azionari emergenti, le lezioni apprese negli ultimi 10 anni, le opportunità nelle diverse capitalizzazioni di mercato ed infine alcuni spunti su temi di ricerca attuali.


11:20-11:40 – Può un approccio di indicizzazione innovativo aiutare a cogliere nuove opportunità di investimento?

AANAND VENKATRAMANAN • Head of ETF Investment Strategies @ Legal & General Investment Management

Aanand discuterà dell’importanza di collaborare con esperti e di utilizzare dati proprietari al fine di creare indici su misura per cogliere l’opportunità in modo accurato e fornire informazioni approfondite sul tema d’investimento.


11:40-12:00 – Soluzioni Alpha di Nordea – Diversificazione quando è più necessaria

CHRISTIAN LEHR • Senior product specialist @ Nordea Asset Management

La presentazione offrirà una visione approfondita di come i fondi Alpha sono gestiti, di come sono strutturate le strategie utilizzate e di come esse sono in grado di fornire valore aggiunto in un contesto di portafoglio.


12:00-12:30 – AlphaDEX – Time Tested Factor Approach

ANTHONY BEEVERS • First Trust Global Portfolios

Anthony discuterà di come i fattori Value e Momentum hanno il potenziale per generare “excess return” nel lungo, medio e breve termine in un’ampia gamma di mercati. Inoltre, presenterà come la metodologia degli ETF della gamma AlphaDEX® UCITS di First Trust cerchi di catturare un’esposizione pura a questi fattori.


12:30-12:50 – Integrare l’analisi di sostenibilità negli investimenti su emerging market debt

OLE JORGENSEN • Responsabile ricerca Global Evolution @ Capital Strategies

Come dovrebbe essere strutturato un processo di investimento quantitativo per gli investimenti nei mercati emergenti?
In che modo la sostenibilità e l’approccio ESG si devono rapportare con i metodi di intelligenza artificiale per integrare in modo più appropriato l’ESG nelle decisioni di investimento? Qual è il potenziale dei processi di investimento quantitativi che utilizzano l’intelligenza artificiale? Queste domande saranno affrontate da Ole Jorgensen.


12:50-13:10 – Un nuovo modo di generare alfa attraverso l’intelligenza artificiale

MAXENCE RADJABI • Share Manager @ Oddo bhf AM

L’Intelligenza Artificiale è una rivoluzione silenziosa che avrà un impatto su tutti i settori dell’economia ed è appena iniziata. Si tratta di un’opportunità sia per i gestori degli investimenti di trovare un nuovo modo di generare alfa, sia per gli investitori di investire in un trend strutturale che dovrebbe creare valore nel lungo periodo.


15:00-15:20 – Indici core o alternativi? La view di Vanguard

SIMONE ROSTI • Country Head Italy @ Vanguard

La scelta dell’indice, prima ancora che dell’ETF, rappresenta un passaggio fondamentale nel processo di selezione dei prodotti. La comparazione tra indici FTSE vs MSCI può orientare gli Investitori verso la soluzione più adatta ai propri obiettivi di investimento.


15:20-15:40 – Investire in volatilità: non solo affari per “turisti “, ma molto altro …

THOMAS CHASSENIEUX • Gestore del fondo Exane Integrale @ Exane Asset Management

La ricerca del volatility carry è una strategia ormai sovraffollata e con numerosi inconvenienti. Essendo la volatilità di per sé un’asset class, tutti i risk premia (momentum, mean-reversion, relative value) possono contribuire alla costruzione di un portafoglio in grado di reagire positivamente in un contesto risk-off. Durante l’intervento, Thomas Chassenieux tratterà il tema dell’applicazione del Machine Learning alla volatilitá.


15:40-16:00 – Machine Learning e ESG: Nuove frontiere dell’investimento sostenibile?

CARMINE DE FRANCO • Portfolio Manager & Quantitative Analyst @ Natixis

L’interesse per le soluzioni di investimento ESG ha visto una crescita esponenziale negli ultimi anni. Per sfruttare l’informazione ESG in modo efficiente, è stato costruito un algoritmo di tipo Machine Learning innovativo e estremamente potente che, attraverso un “Panel of Experts”, identifica pattern e profili che combinano ESG e performance finanziaria. L’approccio Machine Learning sfrutta la granularità e la ricchezza di informazioni che esiste oggi nel mondo dell’ESG, ed è capace di estrarre quello che è veramente importante (“materiality”) per il business delle società dal punto di vista ESG. Questo approccio si dimostra capace di identificare i profili ESG di società che rappresentano opportunità o rischi per l’investitore con grande precisione.


16:00-16:20 – Modelli algoritmici per l’asset allocation: tattica dinamica in fondi ed Etf

DAVIDE BULGARELLI • Presidente @ SIAT

ENRICO MALVERTI • Membro del Consiglio Direttivo @ SIAT

Indubbiamente i mercati sono meno lineari di anno in anno e le motivazioni sono molteplici ed ampiamente discussi, ma prima rispondere con la complessità alla complessità, vogliamo verificare se non sia più sostenibile la “complessità della semplificazione” attraverso modelli algoritmici, trend follower e di momentum applicati a portafogli di fondi ed etf. “Less is more”.


16:20-16:40 – Robot Advisory Asset Allocation Through Network Models

PAOLO GIUDICI • Professore di statistica e data science @ Università di Pavia

Le piattaforme di consulenza automatizzata (“Robot advisors”) vanno rapidamente espandendosi, in particolare grazie alle innovazioni nell’applicazione dell’intelligenza artificiale in finanza e alla diffusione di “crypto” asset alternativi. Paolo Giudici discuterà di come l’intelligenza artificiale possa essere utilizzata per migliorare non solo i servizi di robot advisory, ma anche la misurazione del rischio. In particolare, mostrerà come l’applicazione della teoria delle matrici casuali possa essere utilizzata, assieme alla correlation network clustering, per costruire portafogli d’investimento che tengano correttamente conto delle correlazioni di dimensioni elevate.


16:40-17:00 – Innovazione: un must per il settore dell’investment management

PAOLO GIANTURCO • Deloitte Head of FinTech & FSI Tech & EMEA Blockchain LAB Co-Leader

Il settore dell’investment management sta attraversando una trasformazione radicale che ne cambierà il volto negli anni a venire: principale, tra le forze del cambiamento, è l’inesorabile transizione verso il mercato digitale. Cogliere appieno le sfide portate dalla trasformazione digitale è fondamentale, in quanto l’impatto di queste nuove tecnologie determinerà un potente rinnovamento nel settore, pena l’obsolescenza per coloro che non saranno in grado di reinventare i propri processi e modelli aziendali.


17:00-17:20 – Multi Asset: conservazione e crescita del patrimonio a lungo termine

STEPHAN FRITZ • Team Multi-Asset @ Flossbach Von Storch

Il mondo è fragile – e rimarrà tale. In questo contesto di investimento, le strategie multi-asset possono essere uno strumento adatto per gli investitori. Strategie flessibili, attive e a lungo termine. Stephan Fritz utilizza il pluripremiato Flossbach von Storch – Multiple Opportunities II come esempio per spiegare tale strategia nella pratica.


17:20-17:40 – Considerati gli attuali livelli di spread, perché scegliere una strategia d’investimento attiva sul credito?

SIMON THORP • CIO Aperture Credit Opportunities @ Aperture Investors

PETER KRAUS • Presidente e Ceo @ Generali Investments-aperture Investors

DAVID SAAB • Head Of International Business @Generali Investments-Aperture Investors

In questa presentazione si mostrerà come negli ultimi 10 gli investitori abbiano realizzato guadagni significativi investendo nel credito, ma anche come il progressivo deterioramento dei fondamentali renda necessario un approccio sempre più selettivo verso questa asset class. In questo contesto, è sempre più importante affidarsi ad un gestore attivo in grado di monetizzare il rendimento.


17:40-18:00 – Financial Market Professionals’ Higher Order Risk Attitudes

ANNA BOTTASSO • Professor Economics and Business @ Univerisity of Genoa

ERIC GUERCI • Associate Professor of Economics @ Universté Cote D’Azur

La propensione al rischio degli operatori finanziari è stata numerose volte oggetto di indagine teorica, empirica e sperimentale da parte degli economisti. I lavori hanno tra l’altro permesso di confrontare la propensione in diverse popolazioni quali studenti, popolazione generale e operatori finanziari. L’originalità di questo lavoro è che per la prima volta gli ordini superiori di propensione al rischio vengono stimati e confrontati tra diverse popolazioni tra cui i professionisti finanziari. I risultati sull’attitudine al rischio da parte dei professionisti finanziari mostrano comportamenti in linea con la letteratura, ma sugli ordini superiori evidenziano esiti originali.


18:00-18:20 – Costruzione di Portafogli di Azioni ed ETF con Modelli Quantiativi e Machine Learning

LUIGI PIVA • Trader Quantitativo @ Quantlab Limited

Dopo una breve descrizione dei modelli media/varianza per la costruzione dei portafogli, che – segnando la nascita della finanza quantitativa – hanno una valenza ormai storica, si passa ad una rassegna di modelli più evoluti ed efficaci come i modelli Cvar, Mean Absolute Deviation e Custom Risk Reward. Il punto chiave dell’intervento sarà poi evidenziare come sia possibile utilizzare il Machine Learning, in particolare gli algoritmi genetici, nella costruzione di portafogli, con esempi specifici e dati reali di portafogli che hanno come componenti azioni ed ETF americani.


18:20-18:40 – Commodity Outloook

MASSIMO SIANO • Co-Head of Southern Europe Distribution @ WisdomTre

Con quali materie prime diversificare il portafoglio?


MOC QuanTech 2019 MADDALENA LICCIONE • Financial Journalist – MOC QuanTech 2019

MOC QuanTech 2019 DUCCIO MARTELLI • Visiting Professor Università di Perugia / Harvard University


19:00 Evento serale: Cooking DJ Set e Premiazioni DANIELE DON PASTA

L’evento è a numero chiuso e riservato ad operatori qualificati. Per partecipare è necessario iscriversi e compilare il form specificando società e ruolo. La partecipazione è soggetta a conferma.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X