Fondi Eltif, emendamento al Decreto Crescita per introdurre incentivi fiscali

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 15 Maggio 2019 | 10:15

Sarà presentato oggi in Parlamento un emendamento al Decreto Crescita (firmatario l’onorevole leghista Giulio Centemero) che stabilisce per i sottoscrittori degli Eltif un doppio vantaggio fiscale. Eltif è l’acronimo di European Long Term Investments, ossia dei fondi investimento europei a lungo termine, il cui scopo è quello di avvicinare il risparmiatore privato alle piccole e medie imprese, di solito snobbate dall’investitore medio.

In particolare è prevista un’esenzione sui redditi di capitale (come per i Pir) e una deduzione ai fini Irpef/Ires del 30% della somma investita negli stessi fondi. Misure che, secondo gli analisti di Equita, vanno lette alla luce della finalità del regolamento UE 2015/760 che li ha istituiti e secondo il quale gli Eltif sono un mezzo per “mobilitare e convogliare capitale verso investimenti EU a lungo termine nell’economia reale”.

Le agevolazioni previste per gli Eltif ricorrono solo a certe condizioni

  • Mantenere l’investimento per almeno cinque anni o un’uscita anticipata se si trasferiscono le quote integralmente in un altro Eltif o fondo comune compliant
  • Per l’Eltif un patrimonio non superiore ai 200 mln e investito almeno al 70% in imprese italiane.

Equita ritiene che l’incentivo fiscale agli Eltif sarebbe determinante per lo sviluppo di questi fondi e giudica positivamente l’attenzione del governo al finanziamento delle PMI e l’apertura verso strumenti alternativi come gli Eltif.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il fisco strizza l’occhio alle aggregazioni

Esenzione fiscale del 90% per 10 anni: è sufficiente per attrarre lavoratori non residenti?

Dl crescita, il governo trema

NEWSLETTER
Iscriviti
X