Italian Market Momentum, a NY dieci quotate a Piazza Affari

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 20 Maggio 2019 | 17:30

Equita, l’investment bank indipendente italiana, a distanza di alcuni mesi dall’Italian Market Momentum Conference tenutasi a Washington DC lo scorso 12 ottobre e dell’Italian Market Momentum Business Lunch tenutosi a New York lo scorso 15 ottobre, ha voluto riproporre un momento di incontro con le istituzioni, le aziende e gli investitori statunitensi per discutere delle opportunità economiche e delle sfide che caratterizzano l’Italia.

L’Italian Market Momentum Business Lunch, giunto alla sua seconda edizione e organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio Americana in Italia (“AmCham Italy”) con la quale Equita ha siglato un accordo di collaborazione per promuovere lo sviluppo dei mercati di capitali italiani e le relazioni tra imprese italiane e Stati Uniti, l’Ambasciata Italiana negli Stati Uniti, e con il patrocinio dell’Italian Trade Agency (ICE-ITA), ha voluto focalizzare l’attenzione sull’Italia e sulle aziende italiane come opportunità di investimento.

All’evento hanno partecipato diversi speakers di alto profilo tra cui l’Ambasciatore Armando Varricchio, Ambasciatore italiano presso gli Stati Uniti d’America e Presidente Onorario dell’American Chamber of Commerce, Giovanni Majnoni d’Intignano, rappresentante del Nord America per Banca d’Italia, Carlo Cimbri, Amministratore Delegato del Gruppo Unipol, e Maurizio Forte, Italian Trade Commissioner a New York, in aggiunta a Simone Crolla, Managing Director di AmCham Italy, e Andrea Vismara, Amministratore Delegato di Equita.

Durante l’evento Luigi De Bellis, Co-Responsabile del Research Team di Equita, ha presentato un aggiornamento sulla ricerca “Italian Financial Markets, Industrial Trends and Investment Opportunities”, quest’ultima pubblicata in occasione degli eventi precedenti e dove si evidenziava l’Italia come interessante opportunità di investimento.

Nella ricerca pubblicata a ottobre 2018 Equita aveva infatti identificato, sulla base delle performance di mercato, le 10 migliori emittenti con capitalizzazione superiore a 1 miliardo di euro (“Italian Champions“), le quali avevano registrato un ritorno annualizzato tra il 20% e il 30% medio su un periodo di 10 anni. Osservando le caratteristiche di queste Italian Champions  (De Longhi, Reply, Brembo, Amplifon, Recordati, IMA, Diasorin, MARR, Banca Generali e Campari), Equita aveva rilevato che: i) la loro capitalizzazione di mercato media è di circa 4 miliardi di euro, ii) che gran parte di questi emittenti sono gestiti da famiglie che hanno una quota di controllo della società, iii) che operano in settori diversificati (industriale, consumer, distribuzione al dettaglio, tecnologia e MedTech), e iv) che sono fortemente esposte alle esportazioni (più del 50% dei ricavi) e molto attive sul fronte M&A.

Grazie alle loro caratteristiche distintive le Italian Champions sono state in grado performare meglio rispetto al mercato anche in contesti volatili come gli ultimi mesi del 2018 e questo conferma il mercato italiano come fonte di rendimento per gli investitori. Secondo Equita però ci sarebbero altre società che avendo le stesse caratteristiche delle Italian Champions potrebbero, nel lungo periodo, confermarsi come ottime idee di investimento: tra queste troviamo Pirelli e Moncler.

Luigi De Bellis, Co-Responsabile del Team di Ricerca di Equita, ha commentato: “Oggi abbiamo ancora un approccio prudente sui mercati azionari ma, se guardiamo all’Italia, c’è un relativo ottimismo sul potenziale di lungo periodo. Nonostante il paese stia sperimentando un rallentamento generale dell’economia e un livello di debito importante, vediamo numerose opportunità di investimento, sia sul mercato dell’equity italiano che continua ad offrire interessanti valutazioni rispetto agli indici europei e americani, sia su quello del credito.”

Andrea Vismara, Amministratore Delegato di Equita ha commentato: “E’ con piacere che a distanza di pochi mesi torniamo a New York per raccontare la nostra view sull’Italia evidenziando, ancora una volta, la presenza di interessanti opportunità di investimento.”

“L’attrazione di capitali esteri è fondamentale per la competitività del nostro paese” ha dichiarato Simone Crolla, Consigliere Delegato di AmCham Italy. “Il “sistema Italia” ha ancora bisogno di guadagnare terreno nei confronti dei principali competitors europei ma oggi più che mai stiamo facendo grandi passi in avanti in questo senso. Questo evento testimonia l’impegno in prima linea di AmCham Italy nel favorire momenti di confronto e opportunità per mostrare agli investitori americani quanto di meglio l’Italia ha da offrire.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Amplifon chiude il 2020 in calo, ma la ripresa è dietro l’angolo

Amplifon: per proseguire nell’uptrend serve un colpo di reni

Amplifon aggiorna il massimo storico. I prossimi target tecnici

NEWSLETTER
Iscriviti
X