Stock picking tra gli industriali europei

A
A
A
Avatar di Max Malandra 22 Maggio 2019 | 14:35

A cura di Francesco Lavecchia, Morningstar

Siemens è uno dei maggiori innovatori tecnologici e applica le sue soluzioni a un esteso numero di attività che vanno dalla progettazione e costruzione di soluzioni per la sicurezza e l’automazione delle infrastrutture e degli edifici, ai sistemi di distribuzione dell’energia elettrica e alle infrastrutture per il trasporto di gas naturale, fino ai prodotti riguardanti l’automazione.

Siemens fa valere la leadership tecnologica

Il gruppo tedesco riesce a generare rendimenti del capitale superiori alla media grazie a una posizione di vantaggio costruita sulla sua leadership tecnologica e alla forte integrazione delle soluzioni offerte con i processi produttivi delle aziende clienti. Cosa che gli garantisce un forte potere contrattuale nei confronti di questi ultimi.

“Siemens sta cercando di razionalizzare il suo portafoglio attività e in questa direzione va letta la decisione di separare la sua divisione gas and power attraverso uno spin-off entro la fine del 2020. Apprezziamo la strategia del management, che cerca di creare valore per gli azionisti focalizzandosi su quelle attività a maggior valore aggiunto”, dice Denise Molina, analista azionaria di Morningstar.

“Siemens è leader nel settore delle energie rinnovabili grazie alla sua offerta di turbine eoliche offshore e in acque profonde, ed è ben posizionata per trarre vantaggio dalla crescita di domanda di gas naturale e di infrastrutture sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Per queste ragioni ci aspettiamo che nei prossimi cinque anni gli utili aziendali registrino una crescita media del 4%. Al momento il titolo è scontato di circa il 20% rispetto al fair value di 128 euro ed è valutato con un rating Morningstar di 4 stelle” (report aggiornato all’8 maggio 2019).

Leonardo, il mercato premia la strategia del gruppo

Leonardo ha guadagnato oltre il 30% da inizio anno, ma continua a essere scambiato a un tasso di sconto del 15% rispetto al fair value di 12 euro (report aggiornato al 9 maggio 2019). “Il mercato sembra aver premiato le scelte strategiche del gruppo italiano che ha recentemente completato un’opera di razionalizzazione del suo portafoglio attività. Quelle legate al settore energia e beni di trasporto sono state dismesse, contribuendo alla riduzione del rapporto Debito/Ebitda da 7,7 a 2,1, mentre è aumentato il focus su quelle dei settori difesa, sicurezza e aerospaziale. I dati delle ultime trimestrali sembrano dar ragione al management: nei primi tre mesi dell’esercizio corrente i ricavi sono cresciuti dell’11% rispetto allo scorso anno grazie agli ottimi risultati registrati in entrambi i segmenti di punta. In quello della difesa le vendite sono salite del 16%, mentre gli ordinativi di elicotteri sono aumentati del 13%”, dice Andreea Matysiak, analista azionaria di Morningstar.

“Nonostante alcuni fattori avversi, come la forte concorrenza nel settore della difesa e il rallentamento dell’economia globale, rischino di condizionare la crescita del fatturato del gruppo italiano nel breve periodo, siamo ottimisti sulle sue potenzialità nel lungo termine. Il miglioramento della congiuntura in Europa e negli Usa, nonché il buon posizionamento nei mercati emergenti dovrebbero spingere gli utili a un ritmo del 16% nei prossimi cinque anni”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ftse Mib alle prese con un “inverted hammer”. Le azioni sotto la lente

Ftse Mib, prossimo movimento di consolidamento o di distribuzione?

Leonardo al test della trendline discendente di medio termine

NEWSLETTER
Iscriviti
X