I settori più “Esg” secondo Schroders

A
A
A
di Max Malandra 28 Maggio 2019 | 13:00

Sono le aziende di Svizzera, Singapore e Stati Uniti a generare i maggiori benefici sociali, secondo quanto emerge dal pionieristico strumento di analisi “SustainEx” di Schroders. Il modello SustainEx ha individuato alcuni dei mercati finanziari e dei settori più sostenibili a livello globale, analizzando i costi o i benefici netti per le società generati per ogni 100 dollari di fatturato.

Secondo l’analisi di Schroders, sette dei dieci mercati più sostenibili sono europei, mentre il fondo della classifica è occupato dai Mercati Emergenti, più dipendenti dallo sfruttamento delle risorse naturali.

Grafico 1: Impatto sociale e ambientale per ogni 100 dollari di fatturato. Fonte: Schroders

L’analisi di SustainEx aiuta gli investitori a orientarsi tra gli impatti crescenti del cambiamento sociale e ambientale.

Andrew Howard, Head of Sustainable Research, Schroders, ha affermato: “Le aziende e i Paesi sono soggetti a una pressione crescente da parte delle istituzioni e della società affinché considerino il proprio impatto relativo a sfide come il cambiamento climatico, l’inquinamento e l’obesità. A mano a mano che tali tensioni sociali si inaspriscono, diventa più probabile che queste esternalità sociali e ambientali si trasformino in costi finanziari tangibili.

Per gli investitori è quindi più importante che mai considerare gli impatti sociali delle aziende e dei portafogli, piuttosto che affidarsi puramente a indicatori finanziari. Oggi la modalità con cui le società realizzano i profitti è importante tanto quanto l’entità dei profitti stessi. Abbiamo sviluppato SustainEx per fornire una visione oggettiva delle minacce e delle opportunità che le aziende e i mercati devono affrontare, allo scopo di supportare i nostri analisti, gestori e clienti a orientarsi in un mondo sempre più complesso”.

L’alta concentrazione di imprese farmaceutiche e tecnologiche quotate è stata un driver fondamentale per il posizionamento della Svizzera nell’analisi di Schroders. È inoltre emerso che le aziende soggette a maggiori pressioni sociali e regolamentari da parte di Governi e autorità tendono a generare i benefici sociali maggiori.

Per quanto riguarda i settori, le imprese attive in ambito idrico, biotecnologico e farmaceutico generano i benefici sociali maggiori, mentre le aziende di scommesse producono i costi sociali maggiori, in proporzione alla loro importanza nei mercati azionari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Candriam rafforza i team per gli investimenti sostenibili

Fondi, nuova reportistica Esg per la piattaforma di Euroclear

Fondi, Morgan Stanley IM lancia in Europa le strategie ESG targate Calvert

NEWSLETTER
Iscriviti
X